Benessereblog Cancro alla prostata, in Italia diminuiscono casi e mortalità

Cancro alla prostata, in Italia diminuiscono casi e mortalità

Cancro alla prostata, in Italia diminuiscono casi e mortalità

Diminuiscono i casi di cancro alla prostata in Italia e diminuisce la percentuale di mortalità legata a questo tipo di tumore. A svelare questi dati incoraggianti è stato il XXIV Congresso Nazionale SIUrO (Società Italiana di Urologia Oncologica), che si è svolto nel mese di giugno a Bologna.

Il congresso, che ha presentato nuovi farmaci e nuove tecnologie, ha svelato anche dati incoraggianti sull’incidenza del cancro alla prostata nel nostro paese: nel 2015 sono attesi 35mila nuovi casi, con un calo rispetto agli anni passati. Tutto merito del perfezionamento dei metodi predittivi e delle diagnosi precoci. Cala anche il tasso di mortalità, come sottolineato da Giario Conti, presidente SIUrO:

I dati parlano chiaro: 1 uomo su 16 con più di 50 anni è a rischio tumore. Ma anche se negli ultimi 10 anni il numero di nuovi casi è più che raddoppiato, la mortalità è in costante diminuzione, grazie a una maggiore prevenzione, nuove terapie e farmaci di ultima generazione.

Secondo i dati resi noti durante il congresso, nel 2015 saranno 323mila le persone con diagnosi di cancro alla prostata che sopravvivranno e il 50 per cento dei nuovi casi stimati sarà a basso rischio.

Durante il congresso grande attenzione è stata posta anche sulla psiconcologia: come spiegato dal presidente SIUrO la cura al cancro non basta più, bisogna anche lavorare sulla qualità di vita del paziente, che deve essere una priorità per i medici.

Foto | da Pinterest di pam de w

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social