Benessereblog Vuoi fare una buona impressione a lavoro? Non toccare il cellulare

Vuoi fare una buona impressione a lavoro? Non toccare il cellulare

Vuoi fare una buona impressione a lavoro? Non toccare il cellulare

Vuoi fare una buona impressione a lavoro? Allora lascia il cellulare in borsa! Ammettiamolo, quando ci troviamo con qualcuno (sia che si tratti di un amico, un familiare, un collega o un dipendente o superiore) non c’è niente di più odioso che guardarlo mentre presta più attenzione allo smartphone che a noi. Si tratta di un fenomeno talmente diffuso da essersi guadagnato addirittura un nome ben preciso (phubbing).

Ebbene, secondo un nuovo studio pubblicato dai membri della University of Kansas sulla rivista Mobile Media & Communication sembra che un lavoratore intento ad usare il cellulare durante, ad esempio, una riunione di lavoro, sia percepito in modo decisamente negativo.

A sorprendere è il fatto che anche dopo che il dipendente ha spiegato di aver usato il telefono solo per questioni lavorative, l’opinione sul suo conto non è cambiata.

Usi il telefono a lavoro? Attento al fenomeno dell’illusione introspettiva

A giocare un ruolo importante in tal senso è la cosiddetta “illusione introspettiva”. In sostanza chi ci guarda sa bene che potremmo anche lavorare con il cellulare, ma dal momento che, d’altro canto, potremmo anche scorrere i feed dei social media, chi ci guarda da per scontato che è proprio questo che in realtà stiamo facendo.

Le persone si aspettano che la tecnologia venga utilizzata per scopi dannosi, anche quando la persona che utilizza la tecnologia afferma che il suo uso è legato all’argomento della conversazione,

spiegano gli autori dello studio, aggiungendo però che, come è prevedibile, le cose cambiano un tantino se lo stesso capo permette l’utilizzo dello smartphone per motivi di lavoro durante i meeting.

via | ScienceDaily
Foto di William Iven da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social