Benessereblog Salute Malattie Allarme gonorrea: ceppo resistente ad antibiotici è più pericoloso dell’Aids

Allarme gonorrea: ceppo resistente ad antibiotici è più pericoloso dell’Aids

La gonorrea si sta diffondendo a macchia d’olio e potrebbe diventare pericolosa quanto l’Aids, anche perché è altamente resistente agli antibiotici.

Allarme gonorrea: ceppo resistente ad antibiotici è più pericoloso dell’Aids


La salute pubblica è minaccia dalla gonorrea, una malattia a trasmissione sessuale molto nota e che in questo momento sembra essere decisamente più aggressiva. Secondo un gruppo di esperti americani, infatti, il nuovo ceppo è molto simile all’Aids ed è altamente resistente agli antibiotici. A lanciare l’allarme è il naturopata Alan Christianson, che alla Nbc ha dichiarato:

Nel breve periodo potrebbe anche essere peggio perché il batterio della gonorrea è più aggressivo di quello dell’Aids e colpisce le persone più velocemente. Contrarre la gonorrea da questo ceppo potrebbe portare alcuni allo shock settico e al decesso in pochi giorni

Il ceppo in questione è quello più pericoloso ed è identificato con la sigla HO41 ed è stato inserito nella lista dei superbatteri dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. È quindi minotorato e stanno studiando un antibiotico apposito. Ovviamente, la ricerca ha bisogno di fondi (54 milioni di dollari). Intanto, per prevenire la diffusione dell’infezione è fondamentale cercare di organizzare delle campagne informative, sensibilizzando la gente sui rischi di una vita sessuale senza regole e soprattutto senza protezione.

A questa situazione illustrata da Alan Christianson, si aggiunge anche l’analisi condotta dagli esperti dell’Health Protection Agency (HPA). In un solo anno, i fenomeni di antibiotico-resistenza per la gonorrea sono raddoppiati dal 10 al 20 per cento, un aumento preoccupante perché solo nel 2005 erano a zero.

Foto | Flickr
Via | Cnbc

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Influenza 2022/2023: sintomi, cure e prevenzione
Malattie

Come ogni anno torna puntuale l’influenza stagionale che, in base alle previsioni, sarà la peggiore degli ultimi cinque anni sotto il profilo della diffusione e dell’aumento di patologie respiratorie gravi: vediamo quali sono le cause ed i sintomi dell’influenza 2022/23 con gli accorgimenti da mettere in atto in fatto di prevenzione (il vaccino, in primis) e di rimedi per curarla con e senza farmaci a seconda della sua gravità.