Benessereblog Benessere Dormire bene Valeriana per dormire: 8 cose che devi sapere

Valeriana per dormire: 8 cose che devi sapere

Valeriana per dormire: 8 cose che devi sapere

Fonte immagine: Pixabay

Se fai fatica ad addormentarti, quasi certamente avrai già sentito parlare della valeriana per dormire e alleviare ansia, stress e insonnia. Ma di cosa si tratta esattamente? Quando si parla di valeriana, si intende la radice di una pianta, la Valeriana officinalis, un’erba originaria dell’Asia e dell’Europa, le cui proprietà benefiche possono migliorare la qualità del tuo sonno.

Il rizoma e la radice di valeriana essiccati esercitano infatti degli effetti calmanti, che favoriscono il buon sonno e aiutano a ridurre alcuni disturbi comuni nella vita quotidiana.

Ma quando assumere la valeriana? Quante gocce o compresse bisogna prendere per dormire meglio? E chi non può ricorrere a questo famoso rimedio naturale?

In questo articolo risponderemo a tutte le tue domande in merito all’utilizzo di questo integratore per dormire, vedremo qual è il suo meccanismo di azione e scopriremo quanto tempo impiega la valeriana per fare effetto.

A cosa fa bene la valeriana?

Fonte: Pixabay

Gli integratori di valeriana sono impiegati da secoli per addormentarsi più velocemente e per migliorare la qualità e la durata del sonno. Oltre a questi effetti benefici, si ritiene che la radice di valeriana possa anche aiutare a trattare altre condizioni, come ad esempio:

  • Sindrome premestruale
  • Sintomi del DOC (Disturbo Ossessivo Compulsivo)
  • Formazione di gas nell’intestino
  • Dolori e crampi addominali
  • Mal di testa da stress
  • Tremore
  • Sintomi della menopausa (vampate di calore)
  • Comportamenti ansiosi

Sono tuttavia necessari ulteriori studi per confermare tali effetti benefici: al momento, infatti, gli studi scientifici condotti dai ricercatori, validati e pubblicati su prestigiose riviste di settore sono ancora troppo pochi.

Quanto tempo ci vuole per fare effetto la valeriana?

Affinché si possa osservare e sperimentare un miglioramento della qualità generale del sonno, è necessario assumere la valeriana per 2-6 settimane ogni giorno e non solo una volta ogni tanto o quando se ne avverte il bisogno. La valeriana, per fare effetto, dunque, deve essere assunta con costanza, nell’ottica di un trattamento che aiuta a rilassarsi prima di andare a dormire.

Si ritiene che l’assunzione di integratori di valeriana per un periodo di un mese possa essere considerato sicuro, tuttavia è bene chiedere un parere al proprio medico prima di ricorrere a questo rimedio. Cosa che dovremmo fare con tutti gli integratori e i rimedi naturali che decidiamo di assumere, perché solo il dottore che ci segue conosce la nostra storia clinica e sa consigliare il meglio per la nostra condizione di salute.

Perché la valeriana fa dormire?

Non è del tutto chiaro quali possano essere i meccanismi di azione della valeriana che influenzano la qualità del sonno. Infatti non esistono ancora studi precisi che possano aiutare a capire in quale modo questo rimedio naturale possa agire su questa fondamentale componente.

Si ritiene tuttavia che alcuni composti presenti in questa radice possano influenzare la quantità di una sostanza chimica (l’acido gamma aminobutirricoGABA) responsabile nella regolazione dell’eccitabilità neuronale nel cervello. Tale meccanismo permette di favorire un senso di calma e di alleviare ansia e agitazione.

Di conseguenza, la valeriana eserciterà un effetto rilassante che favorirà il buon sonno e un miglioramento dell’umore.

Quando prendere la valeriana per dormire?

Secondo gli studi, assumere un quantitativo di valeriana che va dai 300 ai 600 milligrammi prima di andare a letto può migliorare il sonno e aiutare a dormire bene. L’ideale sarebbe assumere il rimedio almeno 30 minuti prima di coricarsi, fino a un massimo di due ore prima di andare a letto.

Puoi trovare la valeriana in commercio (sia nelle farmacie che in erboristeria e nelle apposite aree dei supermercati) sotto forma di capsule, tisane, gocce e sotto forma di tintura madre.

Chi non può prendere la valeriana?

Fonte: Pixabay

Sebbene si tratti di un rimedio naturale, anche la valeriana può comportare effetti collaterali e presenta delle controindicazioni e possibili interazioni farmacologiche.

Il consumo di questi rimedi è sconsigliato per le donne in gravidanza, durante l’allattamento e per i bambini. L’assunzione di integratori di valeriana per dormire è da evitare anche per chi assume determinati tipi di farmaci, come quelli sedativi, narcotici, ansiolitici, i farmaci contro la depressione e quelli antiepilettici. Se stai seguendo qualsiasi tipo di terapia, informa il medico prima di assumere questo o altri tipi di integratori naturali.

Non assumere contemporaneamente prodotti a base di valeriana e bevande alcoliche.

La valeriana può anche comportare degli effetti collaterali. La Sleep Foundation fa sapere che, benché questo integratore comporti molti meno effetti indesiderati rispetto a quelli dei farmaci sedativi, in alcune persone la valeriana potrebbe causare sintomi e disturbi come:

  • Fastidi allo stomaco
  • Alterazioni della frequenza cardiaca
  • Mal di testa
  • Aumento della pressione
  • Eccitabilità
  • Bocca secca
  • Sonnolenza
  • Insonnia

È da evitare l’assunzione di prodotti a base di valeriana se soffri di allergia verso questa pianta, ed è sconsigliato l’utilizzo per chi deve eseguire azioni che richiedono attenzione e concentrazione (come guidare l’auto).

Quante volte al giorno si può prendere la valeriana?

Attualmente non esiste un dosaggio considerato valido per tutti i casi. Si ritiene che l’assunzione di 300 – 600 milligrammi, una volta al giorno, possa essere considerata sicura.

Per il corretto dosaggio, sarà però opportuno seguire le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto o chiedere consiglio al proprio medico curante o al farmacista

Se è la prima volta che assumi la valeriana per dormire, sarà saggio iniziare con il dosaggio più basso, per poi aumentare – se necessario – in modo graduale fino all’ottenimento degli effetti desiderati.

Quante gocce di valeriana per l’ansia?

Per alleviare l’ansia, alcune ricerche suggeriscono che l’assunzione di una dose che va dai 400 ai 600 mg di valeriana possa risultare efficace.

Tuttavia, è bene sottolineare che non esiste in realtà un dosaggio ufficiale raccomandato, per cui sarà meglio informarsi con il medico per poter stabilire la posologia più adatta alle tue necessità.

Scopri anche i benefici della melatonina per dormire bene.

Come assumere valeriana in compresse

Valeriana per dormire
Fonte: Pixabay

Per trattare l’insonnia, il dosaggio di valeriana consigliato è generalmente di una compressa, da assumere da una a due ore prima di coricarsi.

Per calmare l’ansia è possibile assumere compresse a base di estratto secco di radice di valeriana anche durante il corso della giornata, sempre facendo attenzione a non superare le dosi consigliate, che troverai indicate sull’etichetta del prodotto. In alternativa, chiedi consiglio al medico o al farmacista.

Qual è la corretta postura per dormire bene? Scopri di più nel nostro approfondimento.

Seguici anche sui canali social