Benessereblog Benessere Psicologia Uomini a rischio depressione: tutta colpa della scarsa resilienza?

Uomini a rischio depressione: tutta colpa della scarsa resilienza?

Uomini a rischio depressione: tutta colpa della scarsa resilienza?

Gli uomini che mancano di resilienza corrono un maggior rischio di soffrire di depressione dopo la morte della coniuge. Questo è ciò che emerge da un nuovo studio pubblicato sulla rivista The Gerontologist e condotto dai ricercatori della Florida State University, i quali spiegano che è la resilienza, ovvero la capacità di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo difficile, a determinare il rischio di depressione in alcuni casi.

Per giungere a questa conclusione, gli esperti hanno esaminato i sintomi depressivi negli uomini e nelle donne anziane prima e dopo aver subito la perdita del coniuge, ed hanno analizzato i cambiamenti nei sintomi depressivi tra uomini e donne che hanno perso il coniuge e coloro che sono rimasti sposati.

Il sondaggio includeva 2.877 donne (335 delle quali sono rimaste vedove) e 2.749 uomini (136 dei quali erano vedovi). I partecipanti sono stati seguiti per un periodo di quattro anni. Esaminando i dati raccolti, gli esperti hanno scoperto che se un uomo perdeva la propria partner e aveva un alto punteggio di resilienza, non sperimentava alcun aumento dei sintomi depressivi. Nonostante la perdita di un coniuge, il loro livello di benessere rispecchiava (quasi) quello di coloro che non avevano perso la propria compagna di vita.

Tuttavia, gli uomini con un basso livello di resilienza tendevano invece a soffrire di depressione dopo la perdita del coniuge. Nello specifico, questi uomini avrebbero registrato circa tre sintomi depressivi in più rispetto alle loro controparti sposate con bassi livelli di resilienza.

Per le donne i risultati sono stati differenti. Gli esperti hanno infatti scoperto che le donne con un basso punteggio di resilienza avevano sperimentato un leggero aumento dei sintomi depressivi, sia che fossero vedove, sia che non lo fossero. Inoltre, anche le vedove con punteggi di resilienza elevati hanno registrato un aumento dei sintomi depressivi.

Ulteriori ricerche dovrebbero esaminare le differenze di genere collegate alla perdita del coniuge, e trovare dei modi efficaci per rafforzare la resilienza psicologica.

via | ScienceDaily

Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social