Benessereblog Salute Terapie e Cure Tutte le cure contro l’emicrania

Tutte le cure contro l’emicrania

Una malattia cronica che accompagna per tutta la vita chi ne soffre e per la quale non esistono cure risolutive, ma solo temporanee.

Tutte le cure contro l’emicrania

Questo tipo di mal di testa è conosciuto come emicrania e generalmente inizia prima dei 30 anni. Chi ne soffre è destinato a conviverci per gran parte della vita. L’emicrania è una malattia cronica, pertanto non c’è un trattamento definitivo che la curi; tuttavia esistono cure per controllarla e avere in tal modo una vita normale.

La frequenza delle crisi è molto variabile, normalmente possono verificarsi più episodi al mese (da uno a quattro di media) e la durata è sempre relativa, può variare da 4 a 72 ore a seconda della messa in atto delle cure oppure no. Per curare l’emicrania possiamo parlare di due tipi di trattamenti sintomatici (che si eseguono quando appare il dolore) e quello preventivo (indicato per i casi più complicati, ovvero per coloro che hanno più di tre crisi al mese).

Per il trattamento sintomatico occorre menzionare:

  • Gli analgesici o calmanti (paracetamolo o acido acetilsalicilico). Non è il metodo più utilizzato poiché la sua efficacia è bassa. Inoltre si corre il rischio di soffrire di cefalea cronica quotidiana e questo porta a un dolore quotidiano.
  • Antinfiammatori. Sono quelli più utilizzati quando le crisi sono intense. Tra gli effetti secondari si annoverano problemi di stomaco come gastrite e ulcere.
  • Ergotamina. Si utilizza molto in combinazione con gli analgesici semplici. Non possono essere utilizzati se non sono prescritti dal medico, poiché possono provocare tra gli effetti indesiderati debolezza, vomito, vertigini, nausea, crampi, dolore addominali, diarrea.
  • Triptani. E’ il farmaco specifico per trattare l’emicrania e si applica nei momenti più acuti.
  • Per quanto riguarda il trattamento preventivo, si utilizzano farmaci betabloccanti, farmaci che agiscono sul sistema renina-angiotensina-aldosterone. In qualsiasi caso, è fondamentale ricorrere alla cura più adeguata prescritta dal medico e mai automedicarsi.

    Fonte | cosasdesalud

    Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

    Seguici anche sui canali social

    Ti potrebbe interessare

    Calcolo del ciclo delle mestruazioni: cose da sapere
    Corpo

    Monitorare il proprio ciclo mestruale può risultare molto utile, perché ci permette di capire cosa è “normale” per noi, quando avviene l’ovulazione, e ci aiuta a individuare cambiamenti importanti da non trascurare. Fare il calcolo del ciclo delle mestruazioni ci aiuta, in poche parole, a conoscere meglio il nostro corpo.