Benessereblog Salute Prevenzione Termometro febbre: quale scegliere? Pro e contro delle varie tipologie

Termometro febbre: quale scegliere? Pro e contro delle varie tipologie

Termometro febbre: quale scegliere? Pro e contro delle varie tipologie

Fonte immagine: Gundula Vogel

Tutti abbiamo – o dovremmo avere – in casa un termometro per la febbre. Si tratta dello strumento più pratico ed affidabile per misurare la temperatura corporea. Nonostante le diverse app che promettono di restituirci quella esatta, i modelli di termometro disponibili in commercio, da quello al mercurio (non più in uso) a quello a infrarossi fino al modello digitale professionale, sono numerosi.

Come scegliere il migliore? Scopriamolo attraverso l’analisi dei pro e dei contro dei modelli più popolari on line ed in farmacia.

Le origini del termometro

Forse non tutti lo sanno, ma tale strumento è molto antico: il primo termometro fu infatti inventato da Galileo Galilei nel 1607. A questo seguirono, nel 1709, dei perfezionamenti effettuati da Daniel Gabriel Fahrenheit. Fu nel 1725, invece, che arrivò il termometro a mercurio rimasto a lungo l’unico disponibile. Come funziona un termometro? Il suo lavoro si basa sulla variazione di una sostanza (nel caso del mercurio) o di un sensore, che cambiano con il variare della temperatura corporea stessa.

Fonte: Press 👍👍 Love you 💖

Termometro febbre: quale scegliere?

Quali sono i termometri più attendibili? Quale usano in ospedale? Esistono molti tipi – a contatto e senza contatto – tra i quali scegliere. Per giungere ad una scelta oculata, però, è bene valutare diversi fattori. Ad incidere, ad esempio, possono essere l’età dei membri della famiglia e/o le preferenze personali. Oltre al fatto, naturalmente, di dover necessariamente optare per un termometro febbre senza mercurio (in quanto questo non è più in commercio per via della sua pericolosità).

Quanto tempo impiega il termometro per misurare la febbre?

A chi si chieda quanto tempo tenere in posa il termometro per verificare la febbre non possiamo che rispondere che dipende dal modello e dalla tipologia utilizzata. In via generale servono da pochi istanti per i termometri laser a pochi minuti per quelli digitali (che, alle volte, impiegano anche meno di un minuto). Di seguito facciamo una panoramica dei più diffusi.

Come farsi venire la febbre? Ecco perché non dovresti farlo.

Tutti i tipi di termometro per la febbre

Indipendentemente dal tipo di termometro che si acquista, è importante utilizzarlo al meglio seguendo le indicazioni riportate sul libretto allegato. In via generale, ci sono due tipi di termometri. Quelli con e senza contatto (ovvero il termometro a distanza per la febbre). I primi necessitano di toccare il corpo per misurare la temperatura. I secondi lo fanno a distanza. Esiste anche una sostanziale differenza tra i termometri a laser e quelli a infrarossi. I primi funzionano sullo stesso principio dei secondi con la differenza che in quelli a laser si osserva, grazie ad un segnale luminoso, l’esatto percorso della direzione in cui viene puntato il termometro e l’oggetto colpito.

Fonte: Adriano Gadini

Termometro febbre a mercurio

E’ stato per decenni il termometro per febbre classico, l’unico disponibile per misurare la temperatura corporea. Il termometro per la febbre a mercurio, oggi, a causa di problemi legati alla sicurezza delle persone, non è più disponibile. Tale tipologia di termometro non prevede batterie e fornisce una lettura particolarmente accurata della febbre, che può essere misurata per via rettale, orale o ascellare. In quanto fatto di vetro, può rompersi facilmente provocando la pericolosa fuoriuscita del mercurio che, ricordiamo, è tossico. Senza considerare le eventuali schegge di vetro che potrebbero conficcarsi nella pelle.

Termometro febbre digitale

I termometri digitali sono oggi i più diffusi. Essi sfruttano sensori di calore che determinano la temperatura corporea e possono essere utilizzati per misurare la temperatura sotto le ascelle, in bocca o nel retto. Tra gli aspetti positivi di tale tipologia di termometro, c’è il fatto di fornire risultati accurati in meno di un minuto. Quelli a lettura orale non sono raccomandati nel caso dei neonati per i quali si preferisce in genere la lettura retale (nonostante più scomoda in fatto di bambini piccoli).

Termometro auricolare digitale (timpanico)

I termometri timpanici misurano la temperatura all’interno del condotto uditivo attraverso la tecnologia a raggi infrarossi. Sono veloci e accurati e preferibili nel caso di bambini (con età superiore a 6 mesi) a quelli digitali rettali ed orali. Eventuali accumuli di cerume, tuttavia, possono alterarne la lettura.

Termometro frontale (temporale)

I termometri frontali utilizzano sensori a infrarossi per misurare la temperatura dell’arteria temporale superficiale, che è un ramo dell’arteria carotide. Si tratta di un termometro a distanza per la febbre, ovvero senza contatto. Con tale tipologia di termometro abbiamo avuto modo di familiarizzare durante la pandemia nonostante siano comuni, anche da prima, presso aeroporti, negozi e stadi. La lettura da parte di tale tipologia di termometro, tuttavia, può essere influenzata da fattori esterni come raggi solari o vento.

Termometro ciuccio

Se il tuo bambino usa un ciuccio, questo potrebbe essere un modo semplice per registrare la sua temperatura. Inutile sottolinearne la grande praticità di utilizzo nei piccoli. Lo svantaggio del termometro ciucco è legato al fatto che, per dare una lettura precisa, dovrebbe rimanere a lungo (circa 6 minuti) in bocca e questa dovrebbe restare chiusa. Cosa piuttosto improbabile.

Fonte: ExergenCorporation

I migliori termometri per bambini

Quando si ha a che fare con un neonato o con dei bambini piccoli, è importante monitorare in maniera rapida il suo stato di salute. Uno dei primi indicatori di un eventuale malessere passa per l’alterazione della temperatura corporea. Qual è il miglior termometro per febbre indicato per i piccoli di casa?

Sicuramente il miglior termometro è quello che consente una lettura veloce, accurata e comoda. Se vuoi avere un parere medico, i professionisti ritengono i termometri rettali i migliori per neonati e bambini. Tuttavia, anche le letture orali e frontali sono in genere molto affidabili in questi gruppi di età.

Dove comprare un termometro per la febbre

Il luogo più scontato nel quale acquistare un termometro per la febbre è la farmacia. Qui se ne possono reperire diversi modelli, in base alle proprie preferenze o esigenze. I termometri sono reperibili anche nelle parafarmacie e nelle sanitarie, nonché presso i supermercati più forniti.

Ovviamente anche il web è ricco di offerte a riguardo e di molta più scelta: valuta la possibilità di acquistare il termometro per la febbre su Amazon o sui siti internet delle farmacie. Tra i più popolari acquisti degli ultimi anni sul colosso dello shop online c’è il termometro ad infrarossi per febbre.

Come misurare la febbre senza termometro

Misurare la febbre senza termometro in realtà non è particolarmente attendibile. L’unico modo per sapere con certezza se ce l’hai è proprio prenderla tramite tale dispositivo medico. Tuttavia, se non ne hai uno a portata di mano e necessiti di misurarla, puoi ricorrere ad uno dei metodi alternativi che ti proponiamo di seguito.

  • Innanzitutto, ascolta il tuo corpo. Se senti brividi di freddo alternati a ondate di calore, stanchezza/debolezza e dolori muscolari probabilmente sì, ce l’hai.
  • Se, guardandoti allo specchio, ti vedi rosso in viso, può essere la conferma che stai cercando.
  • Se sei in compagnia, puoi chiedere a chi è con te di toccarti la fronte. Se qualcun altro ti sente la fronte e la avverte molto calda, probabilmente hai la febbre.
  • Infine, anche la disidratazione può essere un segnale della febbre. Questa provoca un metabolismo elevato che si traduce in un consumo molto più veloce dei liquidi. Se l’urina è scura, se ti senti le fauci secche o hai molta sete, probabilmente ti è salita la febbre.

Questi sono i principali fattori da valutare.

Termometro febbre: quale scegliere? Pro e contro delle varie tipologie
Fonte: Steve Buissinne

App per misurare la febbre

Parte delle App del telefono che aiutano a misurare la temperatura delle persone si basano su termometri digitali che si collegano all’App stessa tramite connessione Bluetooth. Alcune, invece, funzionano diversamente. Come misurare la temperatura corporea con il telefono? Basta scaricare una delle app per misurare la febbre gratis e seguire le indicazioni.

Tra le più popolari possiamo citare Thermonitor, una delle più comuni disponibili per utenti Android e iOS che è gratuita e facile da usare; Finger Body Temperature (Temperatura corporea delle dita), che consente di verificare la temperatura corporea dall’impronta digitale (scaricala e installala sul tuo smartphone, quindi lanciala e appoggia il dito sullo smartphone) e Real Thermometer che è forse la più valida: è dotata di un potente sensore a infrarossi passivo che si utilizza a una distanza di 3-5 cm dall’oggetto/persona.

Molti mettono in dubbio la validità di tale metodo che, in realtà, non è particolarmente attendibile. Eccezione deve essere fatta per quelle app che, come anticipato, misurano la temperatura usando lo smartphone collegandolo ad un termometro smart.

Seguici anche sui canali social