Benessereblog Bellezza Cura corpo Terme: i benefici per la salute

Terme: i benefici per la salute

Trascorrere un weekend alle terme non è solo un modo per prendersi una pausa da una routine stressante e frenetica. Le acque termali esercitano degli effetti benefici e rigeneranti per la salute del corpo e della mente. Alle terme puoi curare disturbi gastrointestinali, puoi prenderti cura della tua pelle, depurare il fegato e migliorare la tua vita a 360 gradi.

Terme: i benefici per la salute

Fonte immagine: Pixabay

Gli stabilimenti termali, anche detti “Terme”, sono dei luoghi in cui il tempo si ferma, spazi in cui possiamo prenderci cura del nostro benessere, sia fisico che mentale, dei centri dove poter prendere una pausa dalla vita frenetica e ritrovare il contatto con noi stessi.

Questi luoghi sorgono in corrispondenza di sorgenti termali, e sono spesso inclusi in vere e proprie strutture dove è possibile usufruire di trattamenti medici, estetici e di benessere. Il merito dei tanti effetti benefici delle terme va tutto alle acque termali, particolarmente ricche di minerali e altre preziose sostanze.

In questi luoghi, sia pubblici che privati, è possibile immergersi in caldi bagni termali, sottoporsi a trattamenti idroterapici, massaggi, bagni turchi e molto altro.

In questo articolo scopriremo come si fanno le terme, cosa si indossa durante i trattamenti e tutto ciò che vorresti sapere prima di prenotare il tuo weekend alle terme.

Quali sono le terme più belle?

Terme
Fonte: Pixabay

Rispondere a questa domanda è piuttosto difficile. Fra le terme più belle del mondo vi sono quelle di Beppu, in Giappone, o le Terme di Uunartoq in Groenlandia e la famosa blue lagoon islandese, una piscina termale che richiama ogni anno moltissimi turisti.

Anche in Italia, però, i centri termali mozzafiato non mancano.

Fra le località più belle vi sono, ad esempio, le terme di Merano, quelle di Bormio, le terme Preistoriche di Montegrotto e gli stabilimenti termali di Abano Terme.

Imperdibili sono, poi, le terme all’aperto, spesso gratuite, immerse in un quadro che profuma di natura e benessere. Fra le terme libere e gratuite in Italia vi sono le piscine naturali di Saturnia, quelle di Olmitello (Ischia), le terme di Sclafani Bagni a Palermo e molte altre.

Che sono le terme?

Le terme sono delle sorgenti dalla tradizione e dalla storia antichissima, delle acque ricche di sostanze benefiche che provengono dalla profondità più lontane della terra, e che hanno una temperatura che si aggira fra i 25 e i 65 gradi.

Si tratta di acque curative, utili per ripristinare l’equilibrio e trattare molte condizioni e patologie.

In questi stabilimenti – che possono essere sia pubblici che privati – abbiamo la possibilità di curarci grazie alle acque termali sottoposte a un processo di raffreddamento. Alle terme è possibile sottoporsi a fanghi, inalazioni, bagni e altri trattamenti di idroterapia per curare una vasta serie di disturbi.

Che tipo di terme?

Fonte: Pixabay

Le terme non sono tutte uguali. Infatti, le acque termali esercitano i loro poteri benefici specifici, e sono in grado di trattare diverse svariate patologie, a seconda delle sostanze in esse disciolte e in base alla loro composizione. Ma allora, quanti tipi di terme esistono?

Puoi godere dei benefici delle terme contenenti acque sulfuree, il cui elemento principale è lo zolfo, impiegate in special modo nella cura dei disturbi respiratori e cutanei.

Le acque solfate (anch’esse a base di zolfo come quelle sulfuree, ma in una diversa forma molecolare) sono invece maggiormente indicate per chi soffre di disturbi gastrointestinali ed epatici. Quelle cloruro-sodiche (che come si evince dal nome contengono in maggior quantità cloro e sodio) sono impiegate per la cura delle ossa e dei disturbi articolari.

Le acque termali radioattive (che naturalmente non sono contaminate da elementi radioattivi) sono invece indicate per rinforzare il sistema immunitario e ridurre i livelli di infiammazione, mentre le acque bicarbonate supportano la digestione e favoriscono la depurazione del fegato.

Va da sé che, date le diverse funzioni delle acque termali, è meglio evitare di scegliere senza prima conoscerne le effettive funzioni. Sarà dunque opportuno affidarsi al parere del medico, specialmente in presenza di eventuali patologie di qualsiasi genere.

Come si usano le terme?

Per poter sfruttare a pieno il tempo trascorso alle terme, è bene sottoporsi ai rituali di benessere in modo consapevole, nuotando o facendo i fanghi, camminando nelle vasche e godendo del benefico effetto di un massaggio d’acqua.

Alle terme è bene mantenere un volume della voce basso e, in generale, rispettare il silenzio, per poter godere a pieno dei benefici che questi luoghi naturali sono in grado di offrire.

Sarà inoltre opportuno indossare l’abbigliamento più adatto, come un costume da bagno di colore scuro (in modo che il tessuto non si macchi a causa di fanghi e altri trattamenti). In alcuni stabilimenti termali, inoltre, non si indossa il costume. Se questo ti imbarazza, potresti però coprirti con un apposito telo.

A cosa fanno bene le terme?

Fonte: Pixabay

Molte persone scelgono di andare alle terme per rilassarsi, ma tante altre lo fanno per migliorare la propria salute e trarre giovamento dai trattamenti termali per alleviare i sintomi di numerose patologie.

A seconda della diversa composizione delle acque termali, è possibile curare diversi tipi di disturbi, come quelli respiratori, stati infiammatori, malattie dermatologiche e muscolo-scheletriche, disturbi digestivi e patologie dell’apparato urinario.

I trattamenti termali permettono di rinforzare le difese immunitarie e ti aiutano a migliorare la tua salute a 360 gradi.

Quanto fanno bene le terme?

I trattamenti termali esercitano un effetto balsamico sia a livello fisico che a livello psicologico. Oltre ai benefici per la salute offerti da queste acque, è possibile godere di numerosi effetti extra, che derivano dalla consapevolezza di aver staccato la spina dalla routine quotidiana e di aver scelto di dedicare alcune giornate solamente al proprio benessere fisico ed emotivo.

Alle terme, quindi, non si va solo per rilassarsi, ma si va anche e soprattutto per prendersi cura della propria salute. Non a caso, le cure termali vengono considerate come vero e proprio trattamento curativo, che può essere prescritto dal medico ed è usufruibile in numerosi centri convenzionati sparsi sul territorio italiano.

Quando evitare le terme?

Poiché quelli con acque termali sono dei trattamenti dai comprovati effetti benefici, è bene evitare di farvi ricorso senza aver prima vagliato il parere del medico, specialmente in presenza di alcune patologie gravi, come tumori, malattie polmonari gravi e patologie cardio-circolatorie.

In casi del genere, il trattamento dovrebbe essere evitato.

È bene evitare le terme anche in caso di riacutizzazione delle malattie o in caso di ipo o ipertensione e ipertrofia prostatica. Andando più nello specifico, le acque bromo iodiche dovrebbero essere evitate in presenza di eczemi e psoriasi, mentre quelle sulfuree vanno evitate da coloro che presentano allergia allo zolfo.

Prima di prenotare i trattamenti alle terme, parla con il medico per non correre rischi.

Qual è il periodo migliore per fare le cure termali?

In realtà non esiste un periodo o una stagione migliore o peggiore rispetto a un’altra per poter godere dei trattamenti termali.

Fatta eccezione per i casi in cui sia lo stesso medico a indicare un periodo dell’anno più adatto, puoi quindi scegliere di recarti alle terme in qualsiasi momento dell’anno.

Quanto dura un ciclo di cure termali?

Solitamente, un ciclo di cure termali ha una durata di 12 giorni, da effettuare in un lasso di tempo di circa 60 giorni, ma preferibilmente nell’arco di 2 settimane.

Perché i trattamenti possano risultare davvero efficaci, sarà bene sottoporsi alle cure termali rispettando le tempistiche indicate dal medico. In alcuni casi, il ciclo di cura può essere prolungato o ripetuto più volte durante l’anno.

Come avere le Terme gratis?

Fonte: Pixabay

Le terme all’aperto spesso sono gratuite e completamente libere, delle vere oasi naturali e rigeneranti dove puoi trascorrere una giornata in completo relax.

Se invece vuoi usufruire dei trattamenti termali gratis, presso dei centri convenzionati e a carico del Sistema sanitario, potrai rivolgerti al tuo medico curante, che in base alla patologia da trattare prescriverà – mediante certificato medico – determinati tipi di cure.

Per ulteriori informazioni, ti consigliamo quindi di consultare il medico di base o lo specialista di riferimento.

Quali patologie si possono curare alle Terme?

Le cure termali permettono di trattare un ampio ventaglio di patologie. Se c’è chi va alle terme per prendersi una pausa da una routine stressante, c’è anche chi si affida agli stabilimenti termali per trattare diverse malattie e condizioni, da quelle respiratorie – come asmaBPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva) – fino alle dermatiti.

Alle terme è possibile trattare disturbi della digestione, patologie gastrointestinali, problemi cervicali e articolari, patologie delle orecchie, come ipoacusia e otiti, e disturbi vascolari.

Come richiedere il bonus Terme 2022?

Il bonus terme 2022 consiste in uno sconto del valore di 200 euro a persona per tutti i servizi e le prestazioni offerte presso gli stabilimenti termali.

Il bonus non è cedibile né può essere venduto a terze persone, e deve essere utilizzato solo dalla persona che ne ha fatto richiesta.

Per poter accedere a questa agevolazione è sufficiente rivolgersi ai centri termali accreditati, la cui lista è consultabile sul sito bonusterme.invitalia.it, visitando la sezione “Terme accreditate“. Il bonus poteva essere richiesto entro il mese di Giugno 2022.

Fonti

  1. Bonusterme.invitalia.it
  2. Paginemediche.it
  3. Termeditrescore.it
  4. Salute.gov.it
  5. Medicinatermale.it
  6. Tgcom24.mediaset.it

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cuticole: cosa sono e come prendersene cura
Cura corpo

Le cuticole sono una parte del corpo incredibilmente importante. Anche note con il nome scientifico di “eponichio”, le cosiddette pellicine servono a proteggere la radice delle unghie dal rischio di infezioni batteriche, dai microorganismi, dai funghi e anche dalla sporcizia. Ecco perché medici e dermatologi sconsigliano di staccare o tagliare le cuticole.