Benessereblog Salute Malattie Psoriasi: sintomi, cure, cause

Psoriasi: sintomi, cure, cause

Psoriasi: sintomi, cure, cause

Fonte immagine: Alpha Stock Images

La psoriasi è una malattia della pelle che provoca un’eruzione cutanea accompagnata da chiazze squamose e fonte di prurito. Interessa comunemente mani, unghie, cuoio capelluto, ginocchia, gomiti e tronco.

Si tratta di una patologia cronica ed a lungo termine, che può alternare fasi acute e di remissione. Nonostante non esistano cure definitive per la psoriasi, trattamenti e cambiamenti nell’alimentazione possono dare sollievo.

Approfondiamo tutto quello che c’è da sapere su che cos’è la psoriasi e come si manifesta.

Cos’è la psoriasi

La psoriasi è una condizione della pelle considerata auto-immune: il sistema immunitario scatena una reazione infiammatoria dovuta ad alcune cause tra le più disparate, da quelle genetiche fino allo stress, all’utilizzo di alcuni farmaci che possono causare ipersensibilità o addirittura a fattori ambientali.

Generalmente le persone affette da tale condizione hanno un primo attacco tra i 15 e i 25 anni di età: i sintomi della psoriasi sono generalmente molto evidenti, con la pelle che diventa rossa e squamosa. Il paziente lamenta in genere anche sintomi come bruciore e prurito.

Come compare la psoriasi?

Immagini e foto di soggetti affetti da psoriasi possono rendere l’idea. Sulla superficie cutanea si formano delle squame di colore grigio, residuo delle cellule morte, accompagnate da lesioni e arrossamenti anche dolorosi.

Dove colpisce la psoriasi? Tendenzialmente interessa i gomiti, le ginocchia, il cuoio capelluto, la parte bassa della schiena, il viso, il palmo delle mani e la pianta dei piedi, ma può estendersi anche in aree più ampie, tanto da diventare una malattia invalidante, perché nelle forme più aggressive può essere accompagnata da prurito molto forte e problemi alle articolazioni.

E’ mortale? Assolutamente no, la psoriasi può assumere forme anche gravi, ma grazie alle terapie d’avanguardia che abbiamo oggi a disposizione può essere tenuta sotto controllo.

Psoriasi: sintomi, cure, cause
Fonte: Alpha Stock Images

Cause della psoriasi

Ma perché viene, quali sono le cause della psoriasi? L’origine di tale patologia non è del tutto chiara. Non esiste ad oggi una causa associabile alla patologia in maniera univoca. Si pensa che si tratti di un problema del sistema immunitario che fa sì che le cellule della pelle crescano più velocemente del solito. E che il sistema immunitario attacchi le cellule della pelle sane per errore. Non è contagiosa. Esistono alcuni fattori scatenanti che possono contribuire alla sua comparsa nei soggetti predisposti.

Psoriasi: fattori scatenanti

Tra i fattori che possono aggravare il problema della psoriasi troviamo:

  • Stress
  • Traumi sulla pelle
  • Infezioni da streptococco
  • Farmaci antimalarici
  • Farmaci betabloccanti
  • Farmaci per il cuore a base di quinidina
  • Farmaci corticosteroidi la cui assunzione viene sospesa

Esiste un legame fra essere in sovrappeso e soffrire di psoriasi. A confermarlo è uno studio pubblicato sulle pagine della rivista PLOS Medicine. Da quanto è emerso, un BMI più elevato può contribuire ad aumentare l’infiammazione della pelle, che può esacerbare la patologia, ma è anche possibile che questa induca una persona a essere meno attiva fisicamente e quindi a ingrassare.

Sintomi della psoriasi

I sintomi iniziali più comuni della psoriasi includono:

  • Eruzioni cutanee a chiazze che variano nell’aspetto da persona a persona
  • Eruzioni cutanee di colore variabile
  • Pelle secca e screpolata che potrebbe sanguinare
  • Prurito, bruciore o indolenzimento
  • Eruzioni cutanee che compaiono ciclicamente per poi attenuarsi
Psoriasi: sintomi, cure, cause
Fonte: Pxhere.com

Tipi di psoriasi

Esistono diversi tipi di psoriasi (lieve, da stress, ad esempio, in base alla gravità ed alle cause) ognuna delle quali si distingue per differenti caratteristiche:

  • Psoriasi a placche. E’ il tipo più comune. Si caratterizza per placche rossastre in rilievo sormontate da una superficie bianco-argentea.
  • Psoriasi ungueale. La condizione può colpire le unghie delle mani e dei piedi. In questo caso le unghie crescono in maniera anormale, possono risultare più dure e staccarsi dal letto ungueale.
  • Psoriasi guttata. Si caratterizza per piccole macchie squamose a forma tondeggiante sul tronco, sulle braccia o sulle gambe. Si manifesta tendenzialmente a partire dall’infanzia e può essere innescata da un’infezione da streptococco.
  • Psoriasi inversa. Quella inversa colpisce principalmente le pieghe cutanee dell’inguine, dei glutei e del seno. Può essere scatenata da infezioni fungine.
  • Psoriasi pustolosa. E’ un tipo raro. Provoca la comparsa di vesciche piene di pus, specie su mani e piedi. Il pus in questo caso non è infettivo né contagioso, è formato da globuli bianchi.
  • Psoriasi eritrodermica. Viene generalmente inquadrata come evoluzione della tipologia a placche ed è particolarmente severa. E’ piuttosto rara.
  • Psoriasi seborroica. Nota anche come sebopsoriasi o seboriasi, è una forma comune caratterizzata da lesioni simili a quelle della dermatite seborroica.
  • Psoriasi amiantacea: tipica del solo cuoio capelluto, è una forma prevalentemente giovanile. Si manifesta sotto forma di uno strato di squame biancastre.

Diagnosi

Solitamente viene diagnosticata dal medico o dallo specialista nel corso di una comune visita, attraverso il semplice esame fisico. In questa sede il medico potrebbe fare domande circa lo stato della salute del paziente in generale. Quindi potrebbe esaminare la pelle, il cuoio capelluto e le unghie. Potrebbe inoltre prelevare un piccolo campione di pelle per procedere alla biopsia dello stesso tramite l’esame al microscopio.

Cura della psoriasi

Come curare la psoriasi, e cosa fare per eliminarla? Le cure per la psoriasi sono principalmente basate sull’analisi dei fattori scatenanti, che variano da persona a persona: si valuta principalmente la gravità del disturbo, l’estensione delle zone colpite, la tipologia e soprattutto la risposta al primo tentativo di terapia. Solitamente si tendono a variare le cure per evitare che la pelle smetta di rispondere o diventi ancora più sensibile, peggiorando così la situazione.

Si può passare dai farmaci per uso topico da applicare direttamente sulla pelle (come la dermovitamina calmilene psoriasi care), alla fototerapia (con i raggi luminosi), alla terapia sistemica tramite assunzione orale di farmaci oppure per iniezione. La scelta del trattamento più adatto andrà stabilita anche in base alle preferenze del paziente, all’età, alla gravità della malattia, allo stile di vita e ad altri fattori che andranno discussi insieme al medico specialista.

In via generale – come riportato sul sito dell’Humanitas – le cure per la psoriasi comprendono:

Trattamenti topici con prodotti naturali

  • Emollienti
  • Decappanti
  • Riducenti

Trattamenti topici con farmaci

  • Antralina
  • Corticosteroidi
  • Calcipotriolo
  • Tazarotene

Terapia sistemica

  • Retinoidi
  • Metotrexate
  • Ciclosporina
  • Mofetil Micofenolato
  • Tacrolimus
Psoriasi: sintomi, cure, cause
Fonte: Pxhere.com

Psoriasi: nuovi farmaci

Sono ancora molti i passi avanti che devono essere fatti per curare in maniera efficace questa condizione. Non molti anni fa si è parlato molto del secukinumab, un inibitore completamente umano, specifico per l’interleuchina-17A – IL-17A, una proteina coinvolta nello sviluppo della stessa, che potrebbe modificare la storia naturale della psoriasi da severa a moderata, e portare al raggiungimento di una pelle priva di lesioni a lungo termine.

Un cenno meritano anche i farmaci biologici, anticorpi diretti a bloccare una o più attività delle cellule. Rispetto ai “vecchi” farmaci, questi hanno la capacità di capire in maniera autonoma quali cellule attaccare risparmiando quelle innocue.

Psoriasi ed alimentazione

Anche alcuni cambiamenti nello stile di vita possono aiutare a migliorare il proprio benessere. Ad esempio, evitare lo stress e seguire una dieta sana rappresentano due passi fondamentali per coloro che soffrono di psoriasi. Dunque, anche se solitamente è cronica e non ci sono terapie e cure definitive, esistono degli accorgimenti che possono migliorare la convivenza con la malattia, primo tra tutti il cibo.

Il legame tra psoriasi e alimentazione è stato indagato molto spesso- e da più parti – con risultati controversi: non è stato dimostrato che una dieta a base di cibi ben definiti possa aiutare a combatterla, ma ci sono comunque alcuni alimenti che possono aiutare a migliorare l’aspetto della pelle e a non peggiorare la situazione quando è già molto irritata. Inoltre, molti cibi sono indispensabili in caso la psoriasi sia associata ad altre malattie correlate, come i disturbi cardiovascolari, e possono essere molto utili per prevenire i problemi alle articolazioni spesso conseguenti a tale malattia.

Alimenti da evitare

In generale l’alimentazione migliore per combattere la psoriasi è quella sana: da evitare assolutamente sono gli alcolici e i superalcolici, che favoriscono l’estensione dell’infiammazione cutanea, così come andrebbero moderati i salumi, gli insaccati, i fritti, le carni rosse, le uova, il burro e la panna. Anche limitare il sale e lo zucchero può aiutare; si possono consumare facendo attenzione il latte e i suoi derivati, specialmente i formaggi stagionati, e andrebbero moderati anche caffè e cioccolato.

In sostanza, nella dieta contro la psoriasi vanno eliminati – o comunque fortemente limitati – tutti gli alimenti responsabili di infiammazione, ma se credete che l’alimentazione per la psoriasi sia troppo restrittiva, pensatela così: è la stessa tipologia di dieta che si consiglierebbe ad un malato di ipertensione o di diabete, patologie che spesso sono concause della patologia in oggetto, specialmente in età avanzata.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Gastroenterite: sintomi, cause, cure
Malattie

La gastroenterite è una condizione sgradevole che tende a guarire nell’arco di qualche giorno: scopri quali sono i sintomi, le cause e come affrontarla