Benessereblog Salute Soffrire di acne peggiora la qualità della vita?

Soffrire di acne peggiora la qualità della vita?

Soffrire di acne peggiora la qualità della vita?

Le persone che soffrono di acne, sono influenzate negativamente dallo stigma sociale percepito in merito al loro problema cutaneo, e rischiano di soffrire di problemi come ansia e depressione. A rivelarlo è un nuovo studio condotto dai membri dell’Università di Limerick (UL), in Irlanda, i cui autori hanno condotto un sondaggio su un campione di 271 persone affette da acne, dal quale è emerso che essere coscienti del fatto che la società potrebbe giudicare in modo negativo il proprio aspetto è associato a livelli più elevati di stress psicologico e ad ulteriori sintomi fisici, come disturbi del sonno, mal di testa e problemi gastrointestinali.

Le donne sembrerebbero riportare una maggiore compromissione della qualità della vita e più sintomi rispetto ai maschi, e la gravità dell’acne è risultata significativamente correlata a un maggiore disagio psicologico percepito dai soggetti. Nello specifico, gli intervistati che si sono sentiti giudicati per via della loro acne hanno riportato livelli più elevati di disagio, ansia e depressione, nonché condizioni somatiche come problemi respiratori.

Come molti attributi fisici che vengono stigmatizzati, l’acne non è ben rappresentata nella cultura popolare, nella pubblicità o nei social media. Questo

spiegano gli autori dello studio

può portare le persone con l’acne a ritenere che siano “non normali” e quindi visti negativamente dagli altri. Le campagne online come #freethepimple e il recente movimento “acne-positivo” emerse sui social media sono uno sviluppo incoraggiante per le persone di tutte le età che sono affette da acne.

Gli esperti aggiungono inoltre che sarebbe utile, per coloro che sono vicini a chi soffre di acne, mostrare sensibilità e sostegno nei loro confronti.

via | ScienceDaily
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social