Benessereblog Alimentazione Cibi e bevande Se cerchi una gravidanza, è meglio smettere di bere alcolici

Se cerchi una gravidanza, è meglio smettere di bere alcolici

Se cerchi una gravidanza, allora sarà il caso di smettere di bere alcolici: scopri come l'alcol influenza le probabilità di concepimento

Se cerchi una gravidanza, è meglio smettere di bere alcolici

Se cerchi una gravidanza, sarà meglio ridurre il consumo di alcol. Può essere riassunto così quanto scoperto dagli autori di un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Human Reproduction, i quali hanno constatato che bere alcolici in qualunque fase del ciclo mestruale è collegato a una riduzione delle probabilità di avere una gravidanza. Per il loro studio, gli autori hanno analizzato l’assunzione di alcol e la fecondità (definita come la probabilità di concepire durante un singolo ciclo mestruale) in un campione di donne, ed hanno fatto una scoperta sorprendente.

Abbiamo scoperto che bere molto durante qualsiasi fase del ciclo mestruale era significativamente associato a una ridotta probabilità di concepimento rispetto al non bere.

Per le loro analisi, gli esperti hanno seguito per un periodo di 19 cicli un campione di 413 donne (arruolate nel periodo che va dal 1990 al 1994). L’età delle partecipanti era compresa tra i 19 e i 41 anni.

Le donne hanno risposto a una serie di questionari, segnalando il loro consumo di alcol giornaliero. Durante il periodo di studio hanno anche fornito dei campioni di urina all’inizio e alla fine di ogni ciclo, per individuare le possibili gravidanze.

Se cerchi una gravidanza, dai un taglio all’alcol

test di gravidanza

Dallo studio è emerso che rispetto a chi non beveva, chi lo faceva moderatamente e chi beveva molto (più di 6 bevande alcoliche a settimana) aveva minori possibilità di concepimento.

In particolar modo, chi beveva molto durante la fase luteale (ovvero durante le ultime due settimane del ciclo mestruale, prima che inizia la mestruazione) aveva una riduzione delle probabilità di concepimento di circa il 44%. Bere molto durante la parte ovulatoria del ciclo è invece associato a una riduzione del 61% delle probabilità di rimanere incinta.

Gli autori sottolineano che quelle emerse sono solamente delle stime, per cui saranno necessari ulteriori studi per esaminare l’effetto dell’alcol prima del concepimento.

Ad ogni modo – spiegano infine gli esperti – questi risultati non devono far intendere che bere alcolici possa prevenire una gravidanza indesiderata. L’alcol non può e non deve essere considerato contraccettivo, e anche se una donna beve molto, se ha dei rapporti non protetti potrebbe rimanere incinta.

https://www.benessereblog.it/gravidanza-10-fattori-che-influenzano-le-possibilita-di-concepimento-nella-donna

via | ScienceDaily
Foto di Pexels da Pixabay
Foto di Julia Fiedler da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.