Benessereblog Salute Salute e lavoro: se il capo è cattivo, il cuore ne soffre

Salute e lavoro: se il capo è cattivo, il cuore ne soffre

Chi di noi può dire di avere un capo comprensivo, buono e simpatico? Quasi certamente nessuno perchè i capi sono – per definizione – rompiscatole, disumani e antipatici. Se, però, il nostro capo supera la media ed è anche egoista e incompetente, allora dobbiamo preoccuparci perchè ne và della nostra salute. Secondo uno studio svedese […]

Salute e lavoro: se il capo è cattivo, il cuore ne soffre

Chi di noi può dire di avere un capo comprensivo, buono e simpatico? Quasi certamente nessuno perchè i capi sono – per definizione – rompiscatole, disumani e antipatici. Se, però, il nostro capo supera la media ed è anche egoista e incompetente, allora dobbiamo preoccuparci perchè ne và della nostra salute.

Secondo uno studio svedese condotto su tremila impiegati, pubblicato sulla rivista “Occupational and environmental medicine”, un boss che fa stare male sul posto di lavoro, non solo rende più stressati i suoi impiegati, ma aumenta anche il loro rischio di infarto con punte che vanno dal 25 al 64%.

Secondo gli esperti, sentirsi sottovalutati e non supportati al lavoro, è fonte di stress e favorisce comportamenti poco salutari, come fumo, dieta scorretta, consumo di alcol e poco esercizio fisico.

Un quadro che porta dritto al rischio di attacchi cardiaci e ipertensione. I ricercatori svedesi, infatti, hanno appurato che i lavoratori che considerano i propri manager i meno competenti hanno un rischio di gravi attacchi cardiaci più alto del 25%. Percentuale che sale al 64% se si lavora a lungo per lo stesso datore di lavoro, dai quattro anni in su.

Vi siete preoccupati abbastanza per oggi? Però, se state leggendo questo post e siete al lavoro, vuol dire che un po’ di pausa ce l’avete e questo fa senz’altro bene alla salute.

Via | Ansa
Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Meningite: 9 sintomi da conoscere e non sottovalutare
Malattie

La meningite è un’infiammazione che interessa le membrane che proteggono e circondano il cervello e il midollo spinale, ovvero le cosiddette meningi. Tra i primi sintomi, rientrano la sonnolenza, un forte mal di testa e la mancanza di appetito. Si aggiungono poi febbre alta, sensibilità alla luce e ai rumori forti.