Benessereblog Salute Psicologia: adolescenti sempre più connessi, ma anche più scollegati

Psicologia: adolescenti sempre più connessi, ma anche più scollegati

I giovani di oggi sono sempre più connessi, ma anche sempre più disconnessi. Ecco cosa rivela l’esperto.

Psicologia: adolescenti sempre più connessi, ma anche più scollegati

Facebook, Twitter, Instagram, Telegram, e l’immancabile Whatsapp. È qui che i giovani di oggi vivono e si connettono ogni giorno con i loro amici e conoscenti. Un mondo virtuale che, però, vede gli adolescenti e i giovani sempre più scollegati dal loro prossimo. A spiegarlo è stato Domenico Barrilà, autore del libro “I superconnessi, come la tecnologia influenza le menti dei nostri ragazzi e il nostro rapporto con loro“, che in un’intervista rilasciata all’ANSA ha sottolineato che il problema non è causato esclusivamente dai giovani, ma anche e soprattutto dai loro genitori e da noi adulti in generale.

Sono infatti gli stessi adulti ad essere quasi sempre incollati ai loro dispositivi digitali, e a perdere quindi la loro credibilità, quando cercano di correggere questo comportamento nei loro figli. Del resto si sa, i figli imparano dai genitori osservando i loro comportamenti, più che ascoltando le loro parole.

È impossibile portarli dove noi stessi non sappiamo arrivare, dunque un genitore che utilizzi in modo immaturo gli strumenti digitali perde autorevolezza e lede le sue chance di correggere i figli.

L’esperto aggiunge che non bisogna mettere sotto accusa tecnologia e social network, quanto piuttosto la sempre più dilagante incapacità di comunicare con i figli.

I giovani nell’ansia di voler essere costantemente ‘connessi’, trasferiscono il bisogno di “legami”. Quindi più che mettere sotto accusa le nuove tecnologie, dovremmo preoccuparci di munire i figli di solidi sentimenti comunitari”.

via | Ansa
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Calcolo del ciclo delle mestruazioni: cose da sapere
Corpo

Monitorare il proprio ciclo mestruale può risultare molto utile, perché ci permette di capire cosa è “normale” per noi, quando avviene l’ovulazione, e ci aiuta a individuare cambiamenti importanti da non trascurare. Fare il calcolo del ciclo delle mestruazioni ci aiuta, in poche parole, a conoscere meglio il nostro corpo.