Benessereblog Salute Psicologia: adolescenti sempre più connessi, ma anche più scollegati

Psicologia: adolescenti sempre più connessi, ma anche più scollegati

I giovani di oggi sono sempre più connessi, ma anche sempre più disconnessi. Ecco cosa rivela l’esperto.

Psicologia: adolescenti sempre più connessi, ma anche più scollegati

Facebook, Twitter, Instagram, Telegram, e l’immancabile Whatsapp. È qui che i giovani di oggi vivono e si connettono ogni giorno con i loro amici e conoscenti. Un mondo virtuale che, però, vede gli adolescenti e i giovani sempre più scollegati dal loro prossimo. A spiegarlo è stato Domenico Barrilà, autore del libro “I superconnessi, come la tecnologia influenza le menti dei nostri ragazzi e il nostro rapporto con loro“, che in un’intervista rilasciata all’ANSA ha sottolineato che il problema non è causato esclusivamente dai giovani, ma anche e soprattutto dai loro genitori e da noi adulti in generale.

Sono infatti gli stessi adulti ad essere quasi sempre incollati ai loro dispositivi digitali, e a perdere quindi la loro credibilità, quando cercano di correggere questo comportamento nei loro figli. Del resto si sa, i figli imparano dai genitori osservando i loro comportamenti, più che ascoltando le loro parole.

È impossibile portarli dove noi stessi non sappiamo arrivare, dunque un genitore che utilizzi in modo immaturo gli strumenti digitali perde autorevolezza e lede le sue chance di correggere i figli.

L’esperto aggiunge che non bisogna mettere sotto accusa tecnologia e social network, quanto piuttosto la sempre più dilagante incapacità di comunicare con i figli.

I giovani nell’ansia di voler essere costantemente ‘connessi’, trasferiscono il bisogno di “legami”. Quindi più che mettere sotto accusa le nuove tecnologie, dovremmo preoccuparci di munire i figli di solidi sentimenti comunitari”.

via | Ansa
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.