Benessereblog Salute Corpo Pro e contro delle diete iperproteiche

Pro e contro delle diete iperproteiche

Atkins, Tisanoreica, Scarsdale e l’ultimissima e di moda Dukan … Cos’hanno in comune tutte queste parole? Semplicemente sono delle diete iperproteiche, attualissime e molto di moda tra le donne negli ultimi anni. Sembrano essere diete magiche, miracolose, che è possibile seguire senza sforzi e dai risultati strabilianti. Ma è proprio tutto così?Il principio su cui […]

Pro e contro delle diete iperproteiche

Atkins, Tisanoreica, Scarsdale e l’ultimissima e di moda Dukan … Cos’hanno in comune tutte queste parole? Semplicemente sono delle diete iperproteiche, attualissime e molto di moda tra le donne negli ultimi anni. Sembrano essere diete magiche, miracolose, che è possibile seguire senza sforzi e dai risultati strabilianti. Ma è proprio tutto così?

Il principio su cui si basano è l’entrata del corpo in chetosi, un meccanismo secondo il quale, eliminando ogni tipo di zucchero, da pane e pasta a frutta e formaggi, si dimagrisce molto velocemente. E questo è anche vero, ma è tutto così roseo? Il dimagrimento c’è ed in genere riguarda anche soltanto la massa grassa, che è quella che ci fa più soffrire, ma ci sono anche tanti svantaggi e controindicazioni.

Queste diete iperproteiche vanno sicuramente ad affaticare i nostri reni, i quali, anche se sono in perfetta forma, subiscono un piccolo trauma a dover filtrare tutta quella massa proteica che si assume, con disturbi più o meno seri. Poi ci sono: perdita di energia, alitosi, stipsi e tanti altri problemucci da non sottovalutare. Perciò vi consigliamo di seguire questi regimi sempre e comunque sotto controllo medico.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Il caffè fa male ai reni?
Nutrizione

Il caffè non fa male ai reni se consumato con moderazione. L’assunzione eccessiva di caffeina, presente nel caffè e in altre bevande, può contribuire ad aumentare la pressione sanguigna, un fattore dannoso per la salute renale. Tuttavia, fino ad oggi, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano una controindicazione al consumo moderato di caffeina (2-3 tazzine di caffè al giorno) per soggetti sani o con malattie renali. Con le dovute eccezioni in caso di anziani, bambini e non solo.