Benessereblog Salute Malattie Premenopausa, i sintomi iniziali

Premenopausa, i sintomi iniziali

Premenopausa, i sintomi iniziali

Premenopausa, sintomi iniziali: quali sono? Ogni donna intorno ai 50 anni sperimenta i classici sintomi della menopausa, il momento della vita femminile in cui il ciclo mestruale scompare e termina la fase fertile. Talvolta questo momento può anticipare i tempi e presentarsi prima del previsto. Come capire se i segnali che il corpo manda sono effettivamente quelli della premenopausa o se c’è da sapere qualcos’altro?

Innanzitutto cerchiamo di capire cos’è la premenopausa. Di solito si indica con questo termine il periodo che precede la menopausa, circa 5-10 anni prima. Di solito le donne cominciano a percepire questi segnali intorno ai 40-45 anni. Più ci si avvicina più i sintomi aumentano. In realtà il termine medico utilizzato è la perimenopausa, parola che dovremmo imparare a utilizzare anche noi.

Premenopausa: i 5 sintomi che non ti aspetti

Perimenopausa, e non premenopausa, sintomi iniziali

I primi segnali significativi della perimenopausa sono quelli classici della menopausa. La riserva ovarica comincia a diminuire e le ovaie iniziano un lento declino fisiologico che è assolutamente normale. I cicli mestruali potrebbero farsi sempre meno regolari rispetto al passato. Oltre al ciclo in ritardo, potremmo anche notare mestruazioni molto ravvicinate o amenorrea, assenza del ciclo. Anche dal punto di vista ormonale possiamo notare che la produzione di estrogeni e di progestinici diminuisce notevolmente.

Tra gli altri sintomi che le donne potrebbero sperimentare, ricordiamo:

  • stanchezza cronica
  • dolori muscolari
  • poche energie
  • spossatezza
  • cali dell’attenzione
  • difficoltà di memoria
  • mal di testa
  • stato di confusione
  • muscoli deboli
  • sbalzi d’umore
  • sonno irregolare
  • stress
  • calo del desiderio
  • problemi urinari
  • secchezza vaginale
  • rallentamento del metabolismo

Se notate all’improvviso questi sintomi dopo aver compiuto i 40 anni, parlatene con il vostro medico curante o con il ginecologo. Potrebbe essere un processo del tutto naturale o forse è meglio indagare più a fondo la situazione, per poter capire cosa sta succedendo al vostro corpo.

Foto di masintos da Pixabay

Seguici anche sui canali social