Lo stress da pandemia si combatte con la gentilezza

Lo stress da pandemia si combatte con la gentilezza

Come si combatte lo stress da pandemia? Un recente studio ci svela quali sono le armi vincenti per sopravvivergli.

Come si combatte lo stress da pandemia? L’emergenza sanitaria internazionale non mette solo a dura prova i sistemi sanitari dei paesi più colpiti o le economie, a causa di restrizioni e chiusure. L’impatto psicologico di questa malattia potrebbe avere risvolti non indifferenti, che non vanno per nessuna ragione al mondo sottovalutati. La solitudine, la paura, il timore possono essere cattive compagnie.

Per questo una psicologa australiana esperta di problemi mentali legati alla solitudine ha deciso di condurre uno studio internazionale che ci dà ottimi suggerimenti per non essere sopraffatti dallo stress che il coronavirus potrebbe provocare nelle nostre vite. La ricerca, condotta da Michelle Lim della Swinburne University di Melbourne, con la collaborazione dell’University of Manchester in Gran Bretagna della Brigham Young University negli Usa, ha svelato che la gentilezza e avere buoni vicini di casa sono la soluzione.

Stress da pandemia, consigli per chi si sente solo

Lo studio ha esaminato l’impatto della gentilezza sullo stato emotivo dei partecipanti utilizzando la piattaforma di social media Nextdoor (porta accanto). Piattaforma che incoraggia le persone a compiere gesti altruisti nei confronti di chi abita vicino. Questi atti di solidarietà e di altruismo hanno un effetto benefico su chi li offre e su chi li riceve.

All’inizio della ricerca 1 persona su 10 aveva ammesso di soffrire di solitudine. Alla fine del progetto, durato quattro settimane, la proporzione si è ridotta a 1 su 20.

L’iniziativa di gentilezza ha incoraggiato interazioni casuali. E, come dimostrato dai risultati, ha mitigato la solitudine dei partecipanti. Una cosa semplice come un contatto regolare con sei vicini di casa, in cui si mostra premura e interesse, ha un netto effetto sulle percezioni di connessione.

Quindi non solo la vicinanza di amici e parenti, che si prendono cura di noi seppur a distanza, ma anche gli atti di gentilezza fortuiti e casuali, messi in atto da vicini di casa, possono aiutarci a vivere meglio la situazione.

Foto di Engin Akyurt da Pixabay

Via | Ansa

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog