Integratori e tisane, le linee guida del Ministero della Salute per non correre rischi

integratori

Integratori, tisane ed altri prodotti naturali: ci sono rischi dal consumo? Dipende dall'uso, più o meno frequente, dalla contemporanea assunzione di determinati farmaci (i principi attivi naturali interagiscono a volte) e soprattutto da chi ne fa uso e perché.

Per rispondere agli interrogativi dei cittadini, il Ministero della Salute ha diffuso delle linee guida che avvertono dei rischi di tisane ed integratori i soggetti più esposti e maggiormente vulnerabili: donne in gravidanza, bambini, mamme che allattano. Queste sono le tre categorie più a rischio. Il Ministero ricorda innanzitutto che i prodotti naturali non possono sostituire una cura tradizionale:

Il loro ruolo può essere quello di favorire fisiologicamente le funzioni dell’organismo nell’intento di ottimizzarne il normale svolgimento. Funzioni alterate in senso patologico richiedono sempre il controllo e l’intervento del medico, con la prescrizione all’occorrenza dei presidi terapeutici più indicati nel caso specifico per il recupero delle condizioni di normalità.

Naturale, spiega poi il Ministero, non necessariamente è sinonimo di sicurezza. Bisogna comunque controllare le etichette e rivolgersi a canali di vendita affidabili e certificati. Bisogna poi verificare l'interazione dei prodotti naturali con i farmaci o con altri integratori vegetali che si stanno assumendo. Bambini e donne in gravidanza così come donne in fase di allattamento, dovrebbero chiedere pertanto consiglio al medico curante prima di assumere integratori. Scrive il Ministero:

Appare evidente che per un uso sicuro di infusi e tisane in soggetti nei primi tre anni di vita, che comunque non ricadono nel campo normativo degli alimenti per la prima infanzia, occorre seguire la stessa norma di comportamento rivolgendosi preventivamente al pediatra, anche al fine di evitare in questo caso interferenze negative con l’allattamento al seno. Analogamente, è bene che la futura mamma e la mamma che allatta, prima di assumere prodotti naturali o integratori sotto forma di tisane, pastiglie, sciroppi o simili, chieda il parere del medico curante per accertare che la scelta sia in linea con le proprie esigenze e le proprie particolari condizioni. In definitiva i prodotti naturali possono dare un contributo per mantenere e ottimizzare il benessere senza alcuna finalità di cura.

Via | Ministero della Salute
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: