Trovato in Antartide il batterio più “vecchio” del mondo

Trovato in Antartide il batterio più “vecchio” del mondo

E' stato ritrovato in Antartide, tra i ghiacci più antichi del pianeta, ed è stato coltivato in laboratorio, dove si sta moltiplicando velocemente. E' un batterio che viene da un'epoca molto lontana, che potrebbe avere tra i 100mila e gli 8 milioni di anni. Ne parla il blog Il Professor Echos. Luciano Vecchi scrive: "E' […]

E' stato ritrovato in Antartide, tra i ghiacci più antichi del pianeta, ed è stato coltivato in laboratorio, dove si sta moltiplicando velocemente. E' un batterio che viene da un'epoca molto lontana, che potrebbe avere tra i 100mila e gli 8 milioni di anni. Ne parla il blog Il Professor Echos.

Luciano Vecchi scrive: "E' stato rinvenuto in un campione di ghiaccio non molto profondo nella Dry Valley antartica, un luogo che si credeva sterile e privo di vita. E se il riscaldamento del pianeta dovesse procedere a questi ritmi, presto, altri batteri e virus preistorici, racchiusi nei ghiacci e che non vedono l'aria da milioni di anni, potrebbero spontaneamente riprendere vita. In tal caso, rassicurano gli scienziati, non ci sono tracce di patogeni tra le specie "riesumate" e anche se così fosse, almeno quelli in cui l'attività cellulare è compromessa dal Dna danneggiato, non sarebbero più in grado di infettare, più che mai le persone". Per leggere il post de Il Professor Echos cliccate qui.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog