Se fumo io non guido


Guidare dopo aver fumato marijuana aumenta il rischio di incidente stradale mortale soprattutto se hai superato i 35 anni.

Lo afferma uno studio pubblicato sul British Medical Journal che ha coinvolto circa 50.000 persone. Non importa se guidi un suv, una moto o un'utilitaria: guidare entro le tre ore dal consumo di marijuana quasi raddoppia il rischio di incidenti stradali mortali.

Lo studio non ha precisato quale sia la quantità di marijuana che eleva il rischio di incidenti, ma i ricercatori hanno scoperto che le persone con livelli più alti di tetraidrocannabinolo (THC) nel sangue - che può aversi sia se si fuma erba poco prima di un incidente sia se se ne fuma molta un' ora prima - avevano una maggiore probabilità di subire un incidente automobilistico fatale.

Questi risultati suggeriscono, "che la cannabis danneggia le prestazioni cognitive e le attività motorie necessarie per una guida sicura, aumentando il rischio di collisione" - sostengono gli autori. Guidare sotto effetto delle canne senz'altro aumenta il rischio più che guidare da sobri, ma è senz'altro meglio che guidare ubriachi: a differenza dei soggetti alterati dall'alcol, gli individui sotto l'influenza della cannabis tendono ad essere consapevoli della loro menomazione e cercano di compensare di conseguenza, guidando con più cautela o rifiutando di guidare.

Via | British Medical Journal
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: