Cos'è e quando è indicata la laparoscopia per la colecisti

Tutte le informazioni sulla tecnica della laparoscopia in caso di colecistite e quando è consigliata l'operazione.

La laparoscopia è una particolare tecnica chirurgica che permettere di limitare l'invasività di un intervento, offrendo al chirurgo un'ottima visuale degli organi interni del paziente grazie all'utilizzo di un piccolo strumento ottico che viene introdotto nell'addome.

E' una tecnica particolarmente utilizzata nel caso di operazioni quali colecistectomia, appendicectomia e operazioni al colon, ma è diffusa anche nei casi di operazioni allo stomaco, alle ghiandole surrenali, alla milza, all’intestino tenue, al pancreas e in alcuni tipi di interventi ginecologici.

La laparoscopia in caso di calcoli alla cistifellea (nome comune della colecisti) è particolarmente utilizzata perché, pur essendo un'operazione chirurgica con tutti i rischi che può comportare un'intervento, riduce al minimo sia l'invasività e sia le complicazioni successive. La colecistectomia, che è la rimozione dei calcoli che causano l'infiammazione della cistifellea detta colecistite, beneficia dalla tecnica laparoscopica non solo in quanto a velocità dell'esecuzione dell'intervento, ma anche per quanto riguarda a minime complicanze successive e meno segni di operazione chirurgica, perché si evita la laparotomia (ovvero l'apertura dell'addome).

La laparoscopia per la colecisti è indicata ovviamente in presenza di calcoli e disturbi alla cistifellea, che possono danneggiare il corretto funzionamento di quest'organo che si occupa dell'accumulo e concentrazione della bile prodotta dal fegato; in caso di colecistectomia la cistifellea viene asportata, ma la mancanza dell'organo permette comunque al paziente di svolgere una vita regolare.

Dopo l'intervento in laparoscopia per l'asportazione della colecisti, i tempi di recupero solo all'incirca di due settimane, durante le quali è bene seguire una dieta molto leggera e quasi completamente povera di grassi in modo da consentire al fisico di ristabilirsi completamente. L'intervento di colecistectomia mediante laparoscopia è indicato soprattutto per i pazienti con un quadro clinico stabile e nessun'altra patologia a carico; in presenza di diabete, malattie cardiovascolari, insufficienze renali e patologie a carico dell'apparato respiratorio è invece sconsigliato, perché potrevvero insorgere complicanze gravi. Starà quindi al chirurgo, in associazione al medico curante, la decisione di procedere o meno ad un intervento, che potrà essere classico o laparoscopico.

  • shares
  • Mail