Gastroscopia transnasale: i principali centri in Italia che la effettuano

La gastroscopia transnasale è un particolare tipo di esame, che ci permette di valutare lo stato di salute di numerosi organi interni del nostro corpo. Ecco come si effettua e quali sono i centri ai quali rivolgersi.

Gastroscopia transnasale

La gastroscopia transnasale è una tecnica diagnostica mininvasiva, che viene utilizzata in alternativa al classico metodo diagnostico della gastroscopia: rispetto al metodo classico risulta meno fastidioso e molto più tollerabile e permette comunque di osservare il tratto superiore dell'apparato digestivo, individuando eventuali problemi.

La gastroscopia transnasale viene eseguita con un endoscopio che ha un diametro di poco più di 4 millimetri: lo strumento viene introdotto tramite una narice, lasciando libera la bocca, evitando, quindi, tutti i disturbi tipici della tradizionale gastroscopia, come il senso di soffocamento, i conati di vomito.

La gastroscopia transnasale viene effettuata con un digiuno di cinque ore: il naso deve essere pulito e la narice viene scelta dal medico. Si può effettuare anche in caso di deviazione del setto nasale. L'esplorazione dura tre minuti, durante i quali il paziente è libero di parlare e respirare con la bocca. Non è prevista alcuna sedazione, dal momento che la pratica è indolore ed è consigliabile anche in caso di pazienti molto anziani, cardiopatici, con bronchiti cronici: è controindicato, invece, con alcune particolari conformazioni del naso.

Numerosi i centri in Italia che effettuano questo tipo di gastroscopia: sul sito di Gastroscopia transnasale se ne possono trovare da nord a sud, mentre se volete effettuare questo esame diagnostico in ospedale, informatevi presso il CUP della vostra regione sui nosocomi che permettono la gastroscopia transnasale.

  • shares
  • Mail