Artrite reumatoide: il campanello d’allarme da riconoscere

Artrite reumatoide: il campanello d’allarme da riconoscere

Un nuovo studio rivela qual è un campanello d’allarme dell’artrite reumatoide: ecco cosa spiegano gli esperti.

È stato recentemente scoperto un nuovo ‘campanello d’allarme‘ dell’artrite reumatoide. A rivelarlo sono i membri della Rice University, autori di uno studio secondo cui una particolare cellula si attiverebbe poche settimane prima di un episodio di artrite reumatoide.

Lo studio è stato pubblicato sulle pagine del New England Journal of Medicine, ed i suoi autori spiegano che la cellula in questione si chiama Prime, è una cellula mesenchimale in grado di trasformarsi in tessuti e cartilagini e aggiungono che tale scoperta potrebbe aiutarci a migliorare la vita dei pazienti affetti da questa condizione.

Per il loro studio, gli autori hanno sequenziato l’Rna nei campioni di sangue di alcuni pazienti, con lo scopo di identificare eventuali differenze nell’espressione genica. Ebbene, grazie alle analisi condotte, gli autori hanno scoperto che il numero di queste cellule aumentava nel plasma, in particolar modo prima che si verificassero casi di artrite reumatoide.

Gli autori spiegano che le cellule Prime condividono caratteristiche simili a a quelle dei fibroblasti, delle cellule presenti nelle membrane delle articolazioni che diventano aggressive nei pazienti che soffrono di artrite reumatoide, una malattia infiammatoria cronica articolare che può compromettere significativamente la qualità della vita di coloro che ne soffrono.

Una simile scoperta – sottolineano gli autori – potrebbe essere molto utile, poiché rappresenterebbe un campanello d’allarme che permetterebbe di creare di nuovi trattamenti che possano aiutare a ridurre il rischio di riacutizzazione della malattia.

via | Ansa
Foto di IAOM-US da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog