Fase 3 Coronavirus: i divieti vigenti e cosa invece si potrà fare in Italia

Fase 3 Coronavirus: i divieti vigenti e cosa invece si potrà fare in Italia

Dal 3 giugno in Italia si entra nella fase 3, con nuove regole di contenimento della pandemia da Coronavirus

Tutto pronto in Italia per accogliere la fase 3, con nuove regole per il contenimento del Coronavirus e un po’ di libertà in più nella gestione degli spostamenti. Tutto pronto sì, ma non tutto chiaro. Infatti ancora molti si domandano cosa si potrà realmente fare dal 3 giugno in poi e quale sia invece la lista dei divieti ancora vigenti.

Di sicuro ci si libera dall’onere della certificazione, perciò non sarà necessario portare dietro lo stampato compilato in caso di controlli. E decade anche il limite regionale, quindi ci si potrà spostare da una regione italiana all’altra senza timore di blocchi, a patto chiaramente di riuscire a trovare i mezzi di trasporto per farlo, visto che treni, bus ed aerei stanno esaurendo i posti a bordo velocemente.

Invece ecco cosa NON si potrà ancora fare dal 3 giugno prossimo:

  • Togliere le mascherine di protezione – L’obbligo di mascherina sui mezzi pubblici e nei luoghi al chiuso accessibili a tutti rimane.
  • Concedersi affettuosità – Il distanziamento sociale è sempre vigente, motivo per cui baci e abbracci, ma anche ridurre la distanza del metro di sicurezza, non sono consentiti.
  • Contravvenire alla quarantena – Resta giustamente valido il divieto ad uscire di casa per chi ha ricevuto una diagnosi da Covid-19 positiva, ma attenzione anche se si hanno infezioni respiratorie con febbre superiore ai 37,5 gradi.
  • La movida – Se il contatto fisico resta una chimera, al momento lo stesso discorso vale per tutto ciò che può creare assembramento, anche la movida per i locali.
  • Le consumazioni a qualunque ora – Resta fisso anche il divieto di consumazione a certi orari all’interno dei locali, ma le consegne a domicilio sono sempre concesse.
  • Niente centri estivi fino al 14 giugno – Dal 15 invece potrebbero riaprire, anche se immaginiamo con scrupolosi regolamenti interni per evitare di contravvenire al distanziamento sociale.
  • Niente cinema e teatri anche se all’aperto – Le attività ricreative sono ancora molto limitate e il 3 giugno non potremo vedere riaperti né cinema né teatri, anche quelli sotto le stelle.

Via | ANSA
Foto | iStock

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog