Benessereblog Benessere Salute: il tuo lavoro ti sta uccidendo?

Salute: il tuo lavoro ti sta uccidendo?

Il nostro lavoro ci sta uccidendo? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Salute: il tuo lavoro ti sta uccidendo?

La pandemia che stiamo affrontando ha cambiato molto il concetto di “lavoro“. Molte persone hanno scoperto cosa è lo “smart working“, mentre molte altre, considerate “dipendenti essenziali“, devono ancora recarsi sul posto di lavoro e quindi uscire da casa.

In un contesto del genere, in cui la quarantena e il rischio di contagio da coronavirus stanno già mettendo a dura prova i nostri nervi, non possiamo fare a meno di domandarci quanto il lavoro stia influendo sulla nostra salute psicologica e fisica.

A rispondere a questa domanda è un nuovo studio pubblicato sul Journal of Applied Psychology e condotto dai membri dell’Indiana University Kelley School of Business, i quali spiegano che la nostra salute mentale e il nostro rischio di mortalità sono strettamente collegati alla quantità di autonomia che abbiamo sul posto di lavoro, al carico di impegni e alle richieste che ci vengono fatte, oltre che alla nostra capacità cognitiva di gestire tali richieste.

Quando le richieste di lavoro sono superiori al controllo o alla capacità che abbiamo di far fronte a tali richieste, si verifica un deterioramento della salute mentale e, di conseguenza, aumentano le probabilità di morte,

spiegano gli autori dello studio, i quali aggiungono che un maggiore livello di stress sul posto di lavoro è collegato anche a un maggior rischio di soffrire di depressione e di andare incontro a morte precoce.

Il COVID-19 potrebbe causare più problemi per la salute mentale, quindi è particolarmente importante che il lavoro non aggravi questi problemi. Ciò include la gestione e forse la riduzione delle richieste dei dipendenti, la consapevolezza della capacità cognitiva dei dipendenti nel gestire le richieste e la possibilità di fornire ai dipendenti la necessaria autonomia.

via | ScienceDaily
Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.