Come smettere di fumare durante l’emergenza coronavirus

Come smettere di fumare durante l’emergenza coronavirus

Smettere di fumare durante la pandemia da Coronavirus è molto importante. Ecco perchè secondo gli esperti.

Il fumo è stato identificato come un importante fattore di rischio per lo sviluppo dei sintomi della COVID-19 e per le eventuali complicazioni che possono manifestarsi a causa del contagio da coronavirus.

Come se non bastasse, anche il fumo passivo aumenta il rischio di infezioni respiratorie acute, quindi è senza dubbio importante che le persone smettano di fumare, in modo da ridurre al minimo i rischi per la salute associati all’attuale pandemia da Coronavirus.

In un articolo pubblicato sulla rivista Cochrane Library, gli esperti hanno spiegato che per riuscire a dire addio al fumo di sigaretta anche mentre ci troviamo in quarantena, è utile optare per rimedi sostitutivi della nicotina, per un supporto comportamentale telefonico o via internet, o per programmi basati sui messaggi di testo. Anche smettere di fumare in modo graduale può aiutare a liberarsi una volta per tutte di questo dannoso vizio.

Esistono moltissimi modi efficaci per smettere di fumare. Le prove suggeriscono che le persone che fumano dovrebbero usare una combinazione fra terapia farmacologica e supporto comportamentale, per avere le migliori possibilità di successo.

Gli autori spiegano inoltre che l’ansia e la depressione migliorano dopo aver detto addio alle sigarette, e questo rappresenta senza dubbio un validissimo motivo per tenere duro quando riuscire a rinunciare a una sigaretta diventa più difficile.

Se un metodo non funziona, non scoraggiarti, le prove dimostrano che alcune persone devono provare a smettere molte volte prima di farlo con successo. Solo perché non sei stato in grado di smettere di fumare prima , non significa che non sarai in grado di farlo adesso.

via | Eurekalert
Foto di Lindsay Fox da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog