Coronavirus, primi due casi in Italia: turisti cinesi a Roma ricoverati allo Spallanzani

Coronavirus, primi due casi in Italia: turisti cinesi a Roma ricoverati allo Spallanzani

Primi due casi di Coronavirus in Italia: si tratta di due turisti cinesi in vacanza a Roma, ricoverati allo Spallanzani.

Guarda la galleria: Coronavirus, bollettini medici Spallanzani di Roma

[accordion content=”La coppia di cittadini cinesi di Wuhan positivi al Covid-19 sta meglio, entrambi hanno concluso la terapia antivirale. Il marito è uscito dalla terapia intensiva e risulta negativo. La moglie è ancora in terapia intensiva, ma non necessita più di supporto ventilatorio. Necessita ancora di monitoraggio per la presenza di patologie preesistenti.

Il giovane italiano positivo al test proveniente da Wuhan è risultato negativo a tutti i test e verrà dimesso nella giornata di oggi.

Il 17enne proveniente da Wuhan è ancora ricoverato, ma sta bene.

Sono stati valutati a oggi 77 pazienti sottoposti al test. 63 negativi sono stati dimessi. 14 sono ancora ricoverati: 3 i casi confermati, 9 i casi in attesa di risultati, 2 i pazienti ricoverati per altri motivi.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°23, 22 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di cinesi provenienti da Wuhan, primi pazienti risultati positivi al test in Italia, sono in miglioramento, soprattutto l’uomo.

Il giovane ricercatore italiano positivo al virus proveniente da Wuhan e trasferito dalla Cecchignola è guarito ed è risultato persistentemente negativo ai test. È in osservazione.

Anche lo studente italiano 17enne di Grado rientrato da Wuhan sta bene. È in osservazione.

A oggi sono stati valutati 68 pazienti sottoposti al test. 63 sono risultati negativi e dimessi. 5 sono ancora ricoverati: 3 i casi confermati, 2 pazienti rimangono ricoverati per altri motivi.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°22, 21 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di cittadini cinesi di Wuhan ricoverati allo Spallanzani è in continuo e progressivo miglioramento.

I due giovani italiani sono in ottima salute.

A oggi sono stati valutati 68 pazienti, sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. 62 sono risultati negativi e dimessi. 6 pazienti sono ricoverati: 3 i casi confermati, 3 le persone ricoverate per altre ragioni cliniche.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°21, 20 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di cittadini cinesi positiva al coronavirus è in terapia intensiva, le condizioni si confermano in miglioramento, soprattutto il maschio.

I due giovani italiani ricoverati stanno bene.

A oggi sono stati valutati 68 pazienti all’accettazione dello spallanzani. 62 sono risultati negativi al test e dimessi. 6 pazienti sono ancora ricoverati: 3 i casi confermati, 3 i pazienti che rimangono ricoverati per altri motivi.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°20, 19 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di cittadini di Wuhan è ricoverata in terapia intensiva. Le condizioni sono in costante miglioramento.

I due giovani italiani sono in ottime condizioni di salute.

A oggi sono stati valutati all’accettazione 68 pazienti. 62 sono risultati negativi e dimessi. 6 pazienti rimangono ricoverati: 3 sono i casi confermati, 3 i pazienti ricoverati per altri motivi.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°19, 18 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia cinese di Wuhan risultata positiva al test è stabile e in progressivo miglioramento, pur rimanendo in terapia intensiva.

Il cittadino italiano trasferito dalla Cecchignola e positivo al test è in ottime condizioni.

Il ragazzo di 17 anni proveniente da Wuhan sta bene: i tamponi naso-faringei sono risultati negativi.

A oggi sono stati valutati allo Spallanzani 68 pazienti. 59 sono risultati negativi al test e sono stati dimessi. 9 pazienti risultano ricoverati: 3 i casi confermati, 1 è in attesa di risultato, 5 pazienti rimangono ricoverati per altri motivi.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°18, 17 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di cittadini cinesi è in miglioramento, anche se rimane ricoverata in terapia intensiva.

Il cittadino italiano proveniente dalla Cecchignola è in ottime condizioni, ma rimane in osservazione.

Il ragazzo italiano di 17 anni arrivato da Wuhan sta bene e i test sono risultati negativi.

Alla giornata di oggi sono stati valutati all’istituto romano 69 pazienti, 59 dei quali dimessi perché negativi al test. 10 sono ancora ricoverati: 3 i pazienti positivi al test, 6 quelli in attesa di risultato del test, un paziente invece rimane ricoverato per altri motivi clinici.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°17, 16 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di cittadini cinesi risultata positiva al test è ricoverata in terapia intensiva. Le condizioni sono stabili.

Il cittadino italiano trasferito dalla Cecchignola e rientrato da Wuhan positivo al test sta bene.

È arrivato allo Spallanzani anche il ragazzo di 17 anni rientrato da Wuhan: ha un po’ di febbre ed è stato sottoposto al test per il nuovo Coronavirus e per altri agenti patogeni. Al momento è sereno e l’umore è ottimo, non ha altri sintomi.

A oggi all’accettazione dello Spallazani sono stati valutati 68 pazienti, 59 negativi al test sono stati dimessi. 10 sono ricoverati: 3 i casi confermati, 6 le persone in attesa di risultato, 1 rimane ricoverato per altri motivi clinici.
” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°16, 15 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”I due cittadini di Wuhan risultati positivi al test sono ancora in terapia intensiva, le condizioni sono stabili e continuano terapia antivirale.

Il cittadino italiano ritornato da Wuhan sta bene, non ha sintomi e non ha febbre. Continua la terapia antivirale.

A oggi sono stati valutati 66 pazienti presso l’istituto. 57, negativi al test, sono stati rimandati a casa. 9 i pazienti ricoverati: 3 sono i casi confermati, 5 sono i pazienti in attesa di risultato del test, 1 paziente rimane ricoverato per altre ragioni.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°15, 14 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”I due cittadini cinesi positivi sono in terapia intensiva, le condizioni cliniche sono invariate e continuano terapia antivirale. Le 20 persone entrate in contatto con loro sono state dimesse dopo aver osservato il periodo di quarantena previsto.

Il terzo paziente, il cittadino italiano, continua a migliorare. Non ha i sintomi e non ha la febbre, prosegue terapia antivirale.

A oggi sono stati valutati allo Spallanzani 66 pazienti sottoposti ai test. 49, negativi al test, sono stati dimessi. Risultano ricoverati i 3 casi confermati, 13 pazienti in attesa di risultato del test, un paziente ricoverato per altri motivi clinici.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°14, 13 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”I due cittadini cinesi risultati positivi sono ancora in isolamento in terapia intensiva, le condizioni cliniche sono invariate con parametri emodinamici stabili e continuano il trattamento antivirale. Le 20 persone che hanno avuto contatti primari con loro non hanno i sintomi, stanno bene e sono risultati negativi ai test.

Il cittadino italiano positivo al test sta bene e non ha la febbre, continua la terapia antivirale.

A oggi sono stati valutati nella struttura romana 64 pazienti sottoposti al test. 46 sono risultati negativi e dimessi. 18 pazienti risultano ricoverati: tre sono i casi confermati di Coronavirus, 14 pazienti sono stati sottoposti al test e sono in attesa dei risultati, 1 paziente risulta ricoverato per altri motivi.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°13, 12 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di coniugi cinesi positiva al test e ricoverata allo Spallanzani rimane in terapia intensiva, anche se le condizioni sono in lieve miglioramento. L’uomo ha cominciato a partecipare attivamente alla respirazione, con una riduzione del supporto respiratorio. Rimane riservata la prognosi.

Il cittadino italiano positivo sta bene.

A oggi sono stati valutati e sottoposti al test presso lo Spallanzani 58 pazienti. 46 sono risultati negativi e sono stati mandati a casa, mentre 13 rimangono in ospedale: 3 sono i pazienti positivi al test, 9 sono i pazienti in attesa di risultato, 1 paziente resta allo Spallanzani per altri motivi clicnici.

Le 20 persone che hanno avuto un contatto primario con i due coniugi cinesi provenienti da Wuhan continuano il periodo di quarantena.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°12, 11 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di cittadini cinesi di Wuhan positiva al test è sempre in terapia intensiva. Le condizioni cliniche sono stazionarie, con parametri emodinamici stabili. Continuano a essere sottoposti a trattamento antivirale. La prognosi è riservata.

Il cittadino italiano arrivato dalla Cecchignola e positivo al test sta bene e non ha la febbre. Continua la terapia antivirale.

I bambini provenienti dalla Cecchignola stanno bene e sono senza febbre. Il primo test era negativo. Il nucleo famigliare, se anche il secondo test dovesse risultare negativo, ritornerà alla Cecchignola.

A oggi sono stati valutati 53 pazienti allo Spallanzani. 38 sono risultati negativi e dimessi. 15 i pazienti ricoverati: 3 i casi confermati, 10 i pazienti sottoposti a test e in attesa di risultato, 2 i pazienti che rimangono ricoverati per altri motivi ma che sono negativi al test. Sono ancora in quarantena le 20 persone che hanno avuto contatti primari con la coppia di Wuhan positiva al test.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°11, 10 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”I due coniugi di cittadinanza cinese provenienti da Wuhan risultati positivi al test sono ancora in terapia intensiva. Le condizioni sono stabili. I medici continuano a somministrare il trattamento antivirale. La prognosi è riservata.

Il cittadino italiano che, invece, è arrivato due giorni fa dalla Città Militare delle Cecchignola risultato positivo al test è in buone condizioni ed è anche senza febbre. Continua a essere sottoposto a terapia antivirale.

Sono stati valutati a oggi presso l’accettazione 53 pazienti. 36 sono risultati negativi al test e già dimessi. 17 sono al momento ricoverati: 3 i casi confermati (la coppia di cinesi e il giovane ricercatore italiano), 12 i pazienti in attesa di risultato del test, 2 i pazienti risultati negativi ricoverati per altre ragioni. Rimangono in quarantena e stanno bene le 20 persone che hanno avuto un contatto primario con la coppia di coniugi cinesi.

Negativi, invece, tutti i casi sospetti arrivati allo Spallanzani, come la donna proveniente dalla Cecchignola e una coppia che arriva da un pronto soccorso. A scopo precauzionale sempre dalla Cecchignola sono arrivati due bambini con un genitore provenienti da Wuhan: hanno un po’ di febbre. Accanto ai medici dello Spallanzani, per garantire loro la migliore assistenza, anche del personale specializzato dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Sono in corso i test.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°10, 9 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di cittadini cinesi di Wuhan è in terapia intensiva, le condizioni sono stabili con parametri emodinamici invariati. Sono ancora sotto trattamento con farmaci antivirali.

Il cittadino italiano trasferito dalla Cecchignola e positivo al test per il coronavirus è in buone condizioni generali: ha ancora poca febbre e iperemia congiuntivale in fase di risoluzione. Ha iniziato la terapia antivirale. È sereno e continua il suo lavoro di ricercatore.

Presso l’accettazione sono stati valutati 48 pazienti sottoposti al test. 34 sono risultati negativi e dimessi. 14 i pazienti ricoverati: 3 sono i casi confermati, 9 i pazienti in attesa di risultato, 2 i pazienti negativi ma ricoverati per altri motivi clinici.

Le 20 persone che hanno avuto contatti con la coppia di coniugi di Wuhan rimangono in quarantena.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°9, 8 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”I due cittadini cinesi provenienti da Wuhan positivi al test sono ancora in terapia intensiva e le condizioni sono invariate, al momento sono in trattamento antivirale.

Allo Spallanzani dalla Città Militare della Cecchignola è arrivato un cittadino italiano di sesso maschile risultato positivo al test di screening, risultato che è stato confermato dal laboratorio di virologia dell’istituto. Il paziente è in buone condizioni, ha lieve febbre e lieve iperemia congiuntivale. Inizierà terapia antivirale.

Presso l’accettazione sono stati valutati 44 pazienti sottoposti al test. Di queti 33 sono negativi e dimessi. Undici pazienti sono ricoverati: i 3 casi confermati (la coppia cinese e il giovane proveniente dalla Cecchignola), 5 sono in attesa del risultato del test, 3 sono risultati negativi ma rimangono all’istituto per altri motivi.

Per le 20 persone che hanno avuto contatti con la coppia cinese ricoverata in terapia intensiva continua la quarantena.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°8, 7 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”I due cittadini cinesi provenienti da Wuhan positivi al test sono ancora ricoverati in terapia intensiva, le condizioni cliniche restano invariate, con parametri emodinamici stabili. Dal 4 febbraio ricevono terapia antivirale sperimentale.

Sono stati valutati presso l’accettazione 41 pazienti sottoposti al test per il nuovo coronavirus, 32 sono risultati negativi e dimessi. Nove pazienti sono ricoverati: 2 i casi confermati, la coppia cinese, 4 i pazienti in attesa di risultato del test, 3 i pazienti risultati negativi che rimangono ricoverati per altri motivi clinici.

Le 20 persone asintomatiche in quarantena stanno bene. ” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°7, 6 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”La coppia di coniugi di Wuhan positiva al test per il nuovo Coronavirus si trova ricoverata in terapia intensiva. Le condizioni sono stazionarie. “I parametri emodinamici sono stabili, prosegue il supporto respiratorio e il monitoraggio continuo dei parametri clinici e di laboratorio. La prognosi resta riservata”.

A oggi sono stati dimessi 27 pazienti risultati negativi al test. Risultano ancora ricoverati 6 pazienti sintomatici, 2 dei quali in terapia intensiva, provenienti dalle zone della Cinta interessate dall’epidemia. Sono in corso i test per verificare se si tratta di Coronavirus. Le altre 20 persone asintomatiche che hannoa vuto contatti con la coppia cinese sono in osservazione e sono in buona salute. ” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°6, 5 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”Si aggravano le condizioni della coppia di coniugi cinesi ricoverata presso lo spallanzani di Roma, a causa di un’insufficienza respiratoria, come segnalato nei casi riportati fino a oggi in letteratura. Si è reso necessario un supporto respiratorio in terapia intensiva: i pazienti sono continuamente monitorati e sottoposti alle cure, compresi farmaci antivirali sperimentali. Le condizioni cliniche sono compromesse ma stazionarie.

A oggi sono stati dimessi 26 pazienti dopo i risultati negativi al test per il nuovo coronavirus. Al momento risultano ricoverati 11 pazienti sintomatici provenienti da zone della Cina che sono interessante dall’epidemia. Si attendono gli esiti dei test. Le 20 persone che non hanno sintomi e che hanno avuto contatti con la coppia cinese positiva sono ancora in osservazione presso l’istituto e tutte sono in buone condizioni di salute.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°5, 4 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=”Allo Spallanzani di Roma sono ricoverati 19 pazienti sotto osservazione. Due di questi sono la coppia cinese positiva al test: le condizioni di salute sono stazionarie, entrambi presentano polmonite virale con interessamento alveolo interstiziale bilaterale.

Nella tarda serata di ieri è arrivato un paziente straniero in condizioni compromesse, si trova in rianimazione ed è già stato sottoposto al test per il nuovo Coronavirus, si attendono i risultati.

Sono ancora 20 i pazienti sotto osservazione che hanno avuto contatto con la coppia: le condizioni sono buone e rimarranno in quarantena fino al termine del periodo previsto. Già dimessi altri 20 pazienti dopo il risultato negativo del test, tra questi l’uomo di nazionalità rumena e la donna di nazionalità cinese residente a
Frosinone.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°4, 3 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=” I due cittadini cinesi positivi al test ricoverati allo Spallanzani sono in condizioni cliniche discrete. Entrambi presentano polmonite virale con interessamento alveolo interstiziale bilaterale.

Il cittadino di origine rumena che ha avuto contatti con loro, ricoverato per accertamenti, è risultato negativo a entrambi i test e sarà dimesso oggi.

La paziente cinese residente a Frosinone è in buona salute, è risultata negativa e sarà dimessa oggi.

Al momento sono ricoverati 23 pazienti provenienti dalle zone della Cina interessate dall’epidemia, tutti sottoposti a test. Altri 13 pazienti sono stati isolati e dimessi dopo il risultato negativo dei test. Ne verranno dimessi altri 5 oggi.

Le 20 persone che hanno avuto contatti con la coppia risultata positiva continuano a essere osservate, sono tutte in buona salute.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°3, 2 FEBBRAIO 2020″]

[accordion content=” Il bollettino medico dell’Ospedale Spallanzani di Roma di sabato 1 febbraio 2020 conferma che la coppia positiva al Coronavirus e ricoverata in isolamento è in discrete condizioni. La donna di 65 anni ha lamentato nausea e vomito, mentre l’uomo di 66 anni ha “un quadro di polmonite interstizio alveolare bilaterale, febbre associata a tosse e astenia“.

L’operaio romeno che lavora nell’hotel di Roma dove soggiornava la coppia è risultato negativo. L’Istituto romano ospita al momento 13 pazienti provenienti da zone della Cina interessate dall’epidemia. I test sono in corso. Altri 13 pazienti sono stati isolati e dimessi dopo il risultato negativo dei test. Le 20 persone che hanno avuto contatto con la coppia positiva continuano a essere sotto osservazione, ma sono in buone condizioni.” title=”BOLLETTINO MEDICO SPALLANZANI N°2, 1 FEBBRAIO 2020″]

Coronavirus, emergenza globale

Conferenza stampa Spallanzani, 31 gennaio 2020

Primi due casi di Coronavirus a Roma

31 gennaio 2020

Primi due casi di Coronavirus in Italia. Mentre sarebbero risultati negativi i risultati dei test dei due turisti a bordo della nave da crociera Costa Crociere ferma nel porto di Civitavecchia, Giuseppe Conte in conferenza stampa insieme al Ministro della Salute Speranza ha annunciato il ricovero presso l’Ospedale Spallanzani di Roma dei primi due pazienti affetti da Coronavirus in Italia.

Nel giorno in cui l’Oms ha dichiarato l’emergenza globale, ono stati accertati i primi due casi in Italia. Si tratta di due turisti cinesi, che provengono da Wuhan, in vacanza nel nostro paese. Sono arrivati il 23 gennaio scorso a Milano e attualmente si trovano ricoverati presso lo Spallanzani di Roma, che Giuseppe Conte definisce “la Bibbia in questo settore. Non c’è nessun motivo di creare panico e allarme sociale“. Chiuso il traffico aereo da e per la Cina, al momento si stanno ricostruendo gli spostamenti dei due turisti al fine di “isolare i loro passaggi, per evitare assolutamente qualsiasi rischio ulteriore rispetto a quello già accertato“.

Il ministro della Salute Roberto Speranza sottolinea che era normale aspettarsi dei casi anche in Italia, vista la statistica: sono 10 i casi in Europa. La situazione è sotto controllo e non bisogna però fare allarmismi, mentre il premier sottolinea che rimane fiducioso che la situazione resterà confinata. I due turisti sono in isolamento e in buone condizioni.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog