Aneurisma dell’aorta addominale, quali sono i sintomi?

Aneurisma dell’aorta addominale, quali sono i sintomi?

Fate molta attenzione ai sintomi dell'aneurisma addominale: a volte vengono sottovalutati.

Prima di andare a vedere i sintomi dell’aneurisma dell’aorta addominale, è bene sapere cosa si intende con aneurisma in medicina. Ci si riferisce a una dilatazione progressiva di parte di un vaso: l’aneurisma è quando tale dilatazione è almeno del 50%, se di meno si parla di ectasia per le arterie e di varice per le vene. L’aneurisma più frequente è quello che colpisce l’aorta addominale. In questo caso si parla di aneurisma dell’aorta addominale quando il diametro è maggiore di 3 centimetri. Ma quali sono le cause? E quali sintomi provoca?

Aneurisma aorta addominale: cause e sintomi

Si dice che la causa degli aneurismi dell’aorta addominale sia multifattoriale, il che vuol dire che ci sono più fattori che contribuiscono a scatenare il problema. Come fattori di rischio abbiamo:

  • fumo
  • ipertensione
  • presenza di altre malattie cardiovascolari
  • anziani
  • ereditarietà
  • sesso (si presenta di più negli uomini)

Le cause dell’aneurisma addominale sono:

  • aterosclerosi
  • vasculite
  • traumi
  • infezioni batteriche
  • infezioni micotiche

Il problema dell’aneurisma dell’aorta addominale è che, nella maggior parte dei casi, è asintomatico. Quindi per il paziente è difficile accorgersi di avere un problema a meno che non vada a fare un’ecografia addominale per altro motivo e nella medesima venga scoperto accidentalmente la presenza dell’aneurisma. A complicare le cose c’è il fatto che i sintomi, quando si presentano, sono aspecifici e sono provocati più che altro dalla compressione degli organi vicini. Questi sono alcuni dei sintomi a cui prestare attenzione:

  • dolore in un punto fisso, viscerale, profondo (soprattutto nella zona lombosacrale)
  • pulsazione addominale
  • palpazione di una massa pulsante (quando sono grandi)
  • soffio a livello dell’aneurisma
  • febbre
  • abbattimento
  • dimagramento
  • vasculite

Il grosso guaio, però, risiede nelle complicanze dell’aneurisma dell’aorta addominale:

  • rottura: quando l’aneurisma si rompe, la perdita di sangue è così massiccia e veloce che il paziente solitamente muore prima di riuscire ad arrivare in ospedale. Quando non provoca morte improvvisa, il paziente lamenta dolore, tachicardia e collasso
  • embolizzazione: trombi possono andare a bloccare le arterie di reni, intestino e gambe. In questo caso si ha dolore monolaterale distale e pallore
  • CID: rara

Aneurisma dell’aorta addominale: diagnosi e terapia

Come dicevamo, spesso la diagnosi di aneurisma dell’aorta addominale è un reperto accidentale in corso di ecografia, TC o RM per altro motivo. La terapia varia a seconda della gravità della dilatazione. Nei casi più severi si procede con la chirurgia o con l’applicazione di appositi dispositivi endovascolari. Nei casi lievi si tiene monitorata la situazione e si curano le cause. Va da sé che bisogna subito smettere di fumare e che bisogna trattare l’ipertensione e le patologie cardiache sottostanti. In caso di rottura dell’aneurisma, l’unica speranza di terapia è la chirurgia istantanea, ma anche così il tasso di mortalità è del 50% (senza intervento è praticamente sempre fatale).

Foto | Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog