Colera, i sintomi che non ti aspetti

Colera, i sintomi che non ti aspetti

Quali sono i sintomi più comuni del colera? E quelli meno frequenti?

Il colera è una grave malattia di origine batterica provocata dal Vibrio cholerae, un batterio Gram negativo. Se è vero che molti di noi conoscono a grandi linee i sintomi del colera, anche solo per averlo studiato a scuola a causa delle epidemie che ha provocato in diverse epoche storiche (e che ancora continua a provocare adesso in aree dove è endemica la malattia), ci sono dei sintomi meno noti a cui prestare attenzione. Ecco perché oggi andremo a vedere quali sono le cause, i sintomi, la diagnosi e la terapia del colera.

Colera: cause e sintomi

Della causa del colera ne abbiamo già accennato prima: è il Vibrio cholerae, un bacillo Gram negativo, mobile, ricurvo, aerobio e capace di produrre un’enterotossina che provoca grave diarrea acquosa. A causa del fatto che questi batteri non invadono le pareti dell’intestino, ecco che nelle feci si troveranno pochissimi leucociti. Di questo agente esistono diversi biotipi: lo 01 è quello responsabile della forma grave, ma ci sono altre varianti che provocano forme o asintomatiche o lievi.

La trasmissione del colera avviene tramite via orale per ingestione di cibi, acqua o frutti di mare contaminati da feci di persone malate o da portatori asintomatici. Molto rara, invece, la trasmissione diretta da persona a persona perché servono dosi elevate di batteri per scatenare l’infezione. Nelle zone dove è endemico (Stati Uniti nella parte del Golfo del Messico, America Centrale, America Meridionale, Africa, Medio Oriente e Asia) tipicamente le epidemie si hanno d’estate, ma in realtà può colpire tutto l’anno. Non c’è predisposizione di sesso o età.

Non tutte le persone si ammalano e non tutte mostrano la medesima gravità dei sintomi. Il periodo di incubazione è rapido, va da 1 a 3 giorni. Nelle forme lievi o subcliniche si può avere solo una leggera diarrea, ma nelle forme gravi la malattia è rapida e letale. I sintomi nelle fasi iniziali sono:

  • diarrea acquosa (liquida e biancastra)
  • assenza di dolori addominali
  • vomito
  • nausea assente

Il problema sono le conseguenze che si innescano a seguito di questa diarrea:

  • grave disidratazione
  • perdita di acqua ed elettroliti
  • polidipsia
  • riduzione della produzione di urine fino all’anuria
  • occhi infossati
  • cute disidratata
  • crampi
  • abbattimento
  • debolezza
  • abbassamento della pressione sanguigna
  • grave acidosi metabolica (si ha perdita di potassio, ma livelli di sodio normali)
  • collasso cardiocircolatorio
  • cianosi
  • necrosi renale
  • morte

Nei pazienti che sopravvivono, l’eliminazione del Vibrio cholerae attraverso le feci continua per due settimana dopo la fine della diarrea.

Colera: diagnosi e terapia

Oltre che dai sintomi, la diagnosi avviene tramite esame colturale delle feci. E’ importante fare diagnosi differenziale con altre malattie che provocano sintomi simili come l’E. coli, la Salmonella o anche la Shigella. La terapia, invece, prevede la somministrazione di fluidi per reintegrare quelli persi e correggere la disidratazione, la correzione degli squilibri elettrolitici, farmaci sintomatici e la somministrazione di antibiotici sulla base dell’antibiogramma (utili sono la doxiciclina, la ciprofloxacina, il trimetroprim/sulfametossazolo o anche l’azitromicina e il furazolidone). Esistono anche dei vaccini per il colera.

Foto | Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog