Come si trasmette la meningite

Come si trasmette la meningite

Qual è la modalità di trasmissione principale della meningite? Come si contrae?

La meningite è un’infiammazione delle meningi, le membrane che avvolgono e proteggono cervello e midollo spinale (sono tre le meningi: pia madre, aracnoidea e dura madre). Solitamente è provocata da cause infettive (virus, batteri, parassiti o funghi), ma esistono anche forme non infettive (da tumori, sarcoidosi, Lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide o farmaci per esempio). Le forme più frequenti di meningite sono quelle virali, definite asettiche, mentre le forme batteriche, più rare, sono quelle più gravi. Sono diversi i microroganismi che possono provocare meningite:

  • virus: Herpesvirus, Enterovirus, virus dell’influenza, Haemophilus influenzae, virus Varicella-Zoster, West Nile, Encelfaite della California, virus della febbre da zecca del Colorado, virus della coriomeningite linfocitaria, HIV
  • batteri: meningococco o Neisseria meningitidis, Streptococcus pneumoniae, Staphylococcus aureus, Listeria monocytogenes, Brucella, Ehrlichia, Leptospira, micobatteri, spirochete
  • funghi: Cryptococcus, Coccidioides, Histoplasma, Blastomyces, Sporothrix
  • parassiti: Toxoplasma

Meningite: come si trasmette

Solitamente la meningite si trasmette direttamente da persona a persona per via respiratoria, tramite aerosol: minute goccioline di saliva o secrezioni nasali possono essere trasmesse con tosse, starnuti, baci o quando si parla (e anche tramite oggetti contaminati). Tuttavia non è così facile contrarre la malattia: bisogna stare a stretto contatto per lunghi periodi con la persona malata per potersi contagiare. L’alternativa, invece, è contagiarsi in posti molto affollati e questo perché l’agente patogeno non viaggia molto lontano e non sopravvivere a lungo nell’ambiente esterno.

Essere esposti a uno di questi patogeni, però, non vuol dire per forza sviluppare la malattia: ci sono molti portatori sani di pneumococco, meningococco e Haemophilus che vivono nella faringe senza dare sintomi e senza scatenare la malattia.

In particolar modo, lo Pneumococco provoca solitamente otite, polmonite o comunque malattia delle vie respiratorie. Solo in alcuni casi provoca meningite, ma non è troppo contagioso. Diverso il caso del Meningococco: spesso lo si trova come ospite nelle prime vie aeree di portatori asintomatici. In determinate condizioni queste persone possono trasmettere il microrganismo. Solo una piccola casistica di tali portatori finisce con lo sviluppare forme di meningite o sepsi. Si parla di meningite fulminante quando la malattia si scatena rapidamente provocando CID, shock e coma.

Foto | Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog