• Benessereblog
  • Scienza
  • Il giorno più corto dell’anno non è il 13 dicembre: ecco che cosa sapere

Il giorno più corto dell’anno non è il 13 dicembre: ecco che cosa sapere

Il giorno più corto dell’anno non è il 13 dicembre: ecco che cosa sapere

Sbaglia chi pensa che il 13 dicembre sia il giorno più corto dell'anno, perché la data vera è un'altra

Chi conosce detti e motti arguti popolari sa che “Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia”, ma probabilmente sa anche che, sebbene la rima renda tutto più convincente, a meritarsi il primato di giornata più breve dell’anno è un’altra data, diversa dal 13 dicembre, sebbene vicina.

Il folklore ha reso ufficiale per molti questa convinzione, ma in realtà l’errore affonda le radici in un fatto storico ben preciso, ossia il passaggio dal calendario giuliano al calendario gregoriano, istituito da Papa Gregorio XIII il 4 ottobre del 1582 con la bolla papale Inter Gravissimas.

La differenza fra i due calendari è facile da notare, infatti il numero dei giorni di ogni singolo mese è diverso nei due sistemi, facendo slittare equinozi e solstizi in avanti o indietro e determinando quindi anche previsioni di ore di luce e buio non sovrapponibili.

Il calendario giuliano, che aveva giorni di 29 e 31 giorni, con un febbraio o “februarius”, di 28, 23 o 24, faceva infatti cadere intorno al 13 o 14 dicembre il giorno più corto dell’anno. Ma noi sappiamo bene che con la riforma di Papa Gregorio XIII e l’avvento del calendario gregoriano, è il solstizio d’inverno del 21 o 22 dicembre a meritare il primato.

Per quest’anno il Sole si troverà sopra il Tropico del Capricorno e quindi alla sua massima distanza al di sotto dell’equatore celeste, il 22 dicembre alle 5:19 ora italiana. Perciò il giorno più corto del 2019 sarà proprio questo.

Se la delusione per Santa Lucia non si smorza, consoliamoci però con una pioggia di stelle, più precisamente le Geminidi, uno sciame di meteore che avrà il suo picco proprio nella notte fra il 13 e il 14 dicembre. Secondo Paolo Volpini dell’UAI, Unione Astrofili Italiani, sarà possibile vederne sciamare anche un centinaio all’ora, sempre che la Luna non ci renda più complicata la visuale.

Via | ANSA
Foto | iStock

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog