Test delle intolleranze alimentari, quando farlo?

Test delle intolleranze alimentari, quando farlo?

Quali sono i test delle intolleranze alimentari e quali bisognerebbe evitare di fare perché non hanno valore scientifico?

Diagnosticare le intolleranze alimentari è molto complesso. Le principali intolleranze, quella al lattosio e al glutine, sono diagnosticate dal gastroenterologo che decide, dopo la visita, di prescrivere degli esami specifici, alcuni anche invasivi come potrebbe essere l’esofagogastroduodenoscopia, che serve per la diagnosi della celiachia.

È importante però comprendere che non esistono esami, a parte quelli per lattosio e glutine, che abbiano valore scientifico. È dunque meglio affidarsi a un diario alimentare, in cui si raccontano gli episodi (sintomi, dolori e disturbi) e cercare di studiare una dieta a eliminazione, per comprendere quale potrebbe essere il cibo “incriminato”.

Questo esperimento normalmente dura massimo un mese e mezzo e ovviamente, prima, è meglio chiedere il parare e l’aiuto del medico, per evitare carenze nutrizionali. Se l’intolleranza sospetta è al lattosio o al fruttosio esiste il breath test, o test del respiro, che prevede la raccolta di campioni d’aria respirata in un sacchetto di plastica a intervalli regolari, prima e dopo l’ingestione di uno zucchero sciolto in acqua.

Evitate invece il dosaggio IGg4, il test citotossico, l’alcat test, i test elettrici, i test kinesiologici, il dria test, le analisi del capello, la biorisonanza, il pulse test, il riflesso cardioco auricolare, iridologia perché non hanno valore scientifico.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog