• Benessereblog
  • Media
  • Informazione scientifica in RAI: M5S chiede la nascita di una Commissione per controllare la divulgazione

Informazione scientifica in RAI: M5S chiede la nascita di una Commissione per controllare la divulgazione

Informazione scientifica in RAI: M5S chiede la nascita di una Commissione per controllare la divulgazione

Il Movimento 5 Stelle chiede una Commissione per la divulgazione dei prodotti scientifici di maggiore interesse attraverso i media pubblici, ma si scatena la polemica

In questi giorni si è generata una piccola polemica, nata dalla proposta di legge dal parlamentare pentastellato Luigi Gallo su ricerca e divulgazione scientifica. Questo pdl, presentato già subito dopo l’insediamento del governo, prevede una modifica della Legge 112/2013 e ha un “punto dolente” che ha scatenato una serie di commenti negativi.

Ma andiamo con ordine. La proposta dell’onorevole Gallo punta a rendere più fruibile e senza costi tutta la documentazione e le pubblicazioni degli istituti di ricerca pubblici, adeguando in questo modo anche la normativa italiana a quella dell’Unione Europea:

[quote layout=”big” cite=”On. Luigi Gallo]Questa proposta guarda al futuro e può rappresentare una vera rivoluzione: oggi infatti il mercato dell’editoria scientifica è dominato da poche case editrici che detengono rilevanti quote di mercato. In sostanza, si tratta di un oligopolio. Quello che noi vogliamo è maggiore fruibilità e facilità di accesso al sapere scientifico[/quote]

Rivoluzionario o no, l’esponente del M5S si è attirato però una serie di frecciate per un’altra parte del pdl, che prevederebbe l’istituzione di una Commissione per la divulgazione dei prodotti scientifici attraverso i canali media pubblici e quindi attraverso la Rai, la nostra televisione di Stato.

Il ruolo di questa Commissione, la cui nascita e gestione spetta al ministero dello Sviluppo economico, sarà quello di decidere quali informazioni e scoperte scientifiche siano di più largo interesse e quindi possano essere divulgate sui canali di radiodiffusione pubblica.

La Senatrice Simoma Malpezzi, del Pd, ha così commentato la proposta che, come detto, è al centro di una piccola bufera di polemiche:

[quote layout=”big” cite=”On. Simona Malpezzi]Chi decide quale ricerca è più importante di un’altra e che questa deve essere divulgata e l’altra no?. Chi ha l’autorità di decidere che cosa deve essere divulgato dalla Rai e cosa no. Lo decide Luigi Di Maio. Questa commissione somiglia al Minculpop fascista[/quote]

La replica di Luigi Gallo:

[quote layout=”big” cite=”On. Luigi Gallo]Non abbiamo nessuna necessità di far passare la legge così come è stata concepita. Siamo pronti alle modifiche durante l’iter di approvazione. Non sono affezionato allo strumento legislativo, solo al raggiungimento degli obiettivi. Più informazione scientifica libera nel servizio pubblico televisivo[/quote]

Tanta carne al fuoco ma ancora nulla di definito. Di questo pdl, ne siamo certi, sentiremo ancora parlare.

Via | Repubblica
Foto | Facebook

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog