Malaria, profilassi antimalarica e vaccino

Malaria, profilassi antimalarica e vaccino

In che cosa consiste la profilassi antimalarica ed esiste un vaccino per prevenire la malattia?

La malaria è una malattia infettiva causata da un parassita, chiamato Plasmodio, che si trasmette esclusivamente attraverso le punture di zanzare infette. Le zanzare in questioni sono il tipo Anopheles, fino a oggi non presenti sul territorio italiano, ma diffuse principalmente in Africa, in America Centrale e in Asia.

Attualmente non è disponibile un vaccino e l’unico modo per proteggersi, in caso di viaggio in paesi a rischio, è quello di seguire la profilassi antimalarica. In che cosa consiste? Prima cosa in regole comportamentali. Quindi:

  • Evitare, se possibile, di soggiornare all’aperto nelle ore in cui le zanzare anofele sono attive
  • Indossare abiti di colore chiaro con maniche lunghe e pantaloni lunghi che coprano la maggior parte del corpo
  • Applicare sulla cute esposta repellenti per insetti a base di DEET (N,N-dietil-n-toluamide), o di KBR (Icaridina)
  • Alloggiare preferibilmente in edifici ben costruiti e in buono stato di conservazione e che offrano sufficienti garanzie dal punto di vista igienico-sanitario
  • Dormire preferibilmente in stanze dotate di condizionatore d’aria ovvero, in mancanza di questo, di zanzariere alle finestre, verificando che queste siano in buono stato e ben chiuse
  • Se si trascorre la notte in ambienti privi delle suddette protezioni, si consiglia l’uso di zanzariere da letto, rimboccandone i margini sotto il materasso
  • In assenza di zanzariere e d’impianti di aria condizionata nella struttura abitativa, spruzzare insetticidi a base di piretro o di suoi derivati nelle stanze di soggiorno e nelle stanze da letto, oppure usare diffusori di insetticida

A queste regole si può aggiungere la profilassi farmacologica. Non esiste un farmaco antimalarico che, a dosaggi diversi da quelli impiegati per la terapia, sia in grado di prevenire l’infezione malarica nel 100% dei casi. Ci sono comunque dei protocolli a base di atovaquone-proguanile o doxiciclina o meflochina, che prevedono l’assunzione di questi principi attivi già prima della partenza e poi per tutto il soggiorno nella zona endemica.

E il vaccino? Come anticipato non c’è ancora un vaccino approvato. GSK ha però annunciato che il CHMP (Comitato per i prodotti medicinali ad uso umano) dell’Agenzia Europea del farmaco (EMA) ha dato opinione scientifica positiva per il vaccino Mosquirix, conosciuto anche come RTS,S, nei bambini di età compresa tra le 6 settimane e i 17 mesi. In seguito a questa decisione, l’Organizzazione Mondiale della Sanità formulerà ora una raccomandazione regolatoria sull’inserimento del vaccino nei diversi programmi nazionali di immunizzazione una volta approvato dalle singole autorità regolatorie nazionali.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog