Salute: l’Europa è troppo morbida con le sigarette?

Salute: l’Europa è troppo morbida con le sigarette?

L’Europa è troppo morbida quando si parla di sigarette? La risposta potete trovarla in questo video.

Salute – Tutti noi sappiamo che il fumo fa male alla salute e che aumenta il rischio di sviluppare malattie mortali, ma nonostante questa consapevolezza, le persone che fumano sono davvero moltissime, troppe. Una delle domande che spesso ci poniamo è come sia possibile che le sigarette siano così diffuse, dal momento che è chiaro che danneggiano seriamente e innegabilmente la salute non solo di chi fuma, ma anche di chi respira il fumo passivo.

Negli ultimi anni si stanno facendo importanti passi avanti per combattere la diffusione del fumo nel nostro Paese, ma dobbiamo ammettere che, rispetto ad altri Paesi del mondo, l’Italia e l’Europa sono ancora molto indietro.

Ma per quale ragione ciò accade? Perché in Australia si è riusciti ad aumentare il prezzo delle sigarette a livelli tali da scoraggiarne l’acquisto, mentre questo non avviene in Europa? La risposta potete trovarla nel video che vi segnaliamo qui sopra.

Ricordate che anche solo una sigaretta al giorno può già danneggiare la vostra salute. Ne vale davvero la pena?

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Italia; Sigaretta elettronica, Italia verso divieto luoghi pubblici