Benessereblog Salute Il fumo agisce sull’ormone dell’appetito e spegne la fame

Il fumo agisce sull’ormone dell’appetito e spegne la fame

Fumare favorisce il controllo delle calorie regolando l’ormone dell’appetito. Ecco una nuova interessante scoperta.

Il fumo agisce sull’ormone dell’appetito e spegne la fame

Smettere di fumare fa ingrassare? La risposta è no, in teoria. È vero però che fumare influenza il nostro appetito e riduce l’apporto calorico, mediamente di 152 calorie a pasto, incidendo sull’ormone dell’appetito. Questo è quello che rivela uno studio condotto da Konstantina Zachari della università Harokopio di Atene.

Ecco quindi che la leggenda popolare si trasforma in qualcosa di molto più serio: il fumo sembra aiutare a controllare il peso corporeo, tanto è vero che spesso è proprio l’apprensione di ingrassare che demotiva i fumatori a smettere. Si stima che smettere di fumare si associ a un aumento di peso medio di 10 chili in 5 anni. Ovviamente, la causa dell’eventuale accumulo di peso non è da imputare solo esclusivamente alla rinuncia delle bionde, ma alla relazione che si instaura con cibo una volta abbandonato questo brutto vizio.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Artrite Idiopatica Giovanile: sintomi e cure
Malattie

L’artrite idiopatica giovanile è un gruppo di malattie croniche che colpiscono bambini e adolescenti di età inferiore ai 16 anni. La malattia può causare molti sintomi che è importante saper riconoscere