Rio Abierto: cuore e mente a ritmo di musica

Nulla di nuovo, stavolta, ma qualcosa da riscoprire. Il Rio Abierto nasce in Argentina negli anni ’50 e già da vent’anni è noto – ma non troppo – in Italia. A prima vista somiglia molto alla danza spontanea e l’obiettivo è quello di risvegliare l’energia bloccata o sopita che ciascun essere umano possiede.

La seduta di allenamento si svolge in cerchio, seguendo i movimenti dell’istruttore e la musica (brasiliana). Coordinare corpo e mente, ritrovare il contatto con se stessi e il proprio posto in mezzo agli altri sono le chiavi per comprendere il Rio Abierto e divertirsi. Il nome racconta già molto, in riferimento al fiume energetico da lascia fluire liberamente. Per il resto, guardate il video.

  • shares
  • Mail