Cervello a rischio per chi russa troppo

Cervello a rischio per chi russa troppo

Chi russa e soffre di apnea del sonno può correre maggiori rischi di declino cognitivo. Ecco cosa emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Neurology e condotto dai membri del NYU Langone Medical Center.


Russare troppo mette a rischio il cervello secondo un nuovo studio, ma il trattamento di questi disturbi potrebbe ritardare il declino cognitivo. Con la loro analisi, i ricercatori del NYU Langone Medical Center hanno tentato di scoprire se i problemi di respirazione nel sonno possono essere associati al declino cognitivo, e per rispondere a tale domanda hanno analizzato un campione di 2.470 persone, dividendole in 3 gruppi.

Il primo gruppo comprende le persone affette da Alzheimer, il secondo quelle con decadimento cognitivo lieve (MCI), e il terzo, coloro che non avevano problemi di memoria. Gli esperti hanno poi esaminato la presenza di problemi di respirazione nel sonno, e se i soggetti sono stati curati per tali problemi respiratori.

Dalle analisi è emerso che i pazienti con problemi respiratori hanno ricevuto una diagnosi di MCI ad un’età media di 77 anni, e di Alzheimer a un’età media di 83 anni, mentre chi non aveva tali problemi ha avuto la diagnosi di MCI a circa 90 anni di età, e di Alzheimer a 88 anni. Dallo studio emerge però che il trattamento dei problemi respiratori notturni con il dispositivo CPAP può invertire l’associazione tra tali problemi e il declino cognitivo precoce.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Medicalnewstoday.com

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog