Come riconoscere e trattare il mal di testa nei bambini

Come riconoscere e trattare il mal di testa nei bambini

Anche i più piccoli possono avere a che fare con questo disturbo tanto diffuso fra gli adulti. Ecco come diagnosticarlo e come affrontarlo

Riconoscere il mal di testa nei bambini non è semplice. Eppure il problema esiste e non è poco frequente: secondo dati emersi dalla scuola di pediatria dedicata al mal di testa organizzata a Capri da Paidòss, l’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza, questo disturbo colpisce il 9% cerca dei bambini e dei ragazzi al di sotto dei 12 anni.

L’evento ha rappresentato anche un’occasione per riflettere sui dati emersi da uno studio pubblicato nel 2011 sulla rivista Headache secondo cui per arrivare a una diagnosi sono necessari in media 20 mesi. Le difficoltà diagnostiche possono però essere ancora maggiori, tanto che genitori e bambini possono ritrovarsi ad effettuare per ben 3 anni veri e propri pellegrinaggi tra gli studi di esperti di diversi settori prima di riconoscere il mal di testa.

Ma quali sono i campanelli d’allarme che permettono di riconoscere il disturbo? Il bambino che soffre di mal di testa:

  • può tendere a isolarsi dalle attività sociali
  • tende ad evitare gli sforzi
  • spesso ha genitori che a loro volta soffrono di mal di testa (il rischio aumenta del 40% quando ne soffre la mamma o il papà e del 70% se ne soffrono entrambi)

In genere gli esperti consigliano ai genitori di tenere un diario dei segnali. Se il problema si presenta più di 4 volte al mese può essere trattato con:

  • antidolorifici, indicati nei casi più gravi
  • trattamenti naturali, come quelli a base di una combinazione di Ginkgolide B, coenzima Q10, vitamina B12 e magnesio
  • medicine alternative o complementari, ma sempre solo dopo averne parlato con il medico curante

I pediatri sconsigliano invece il fai da te e di somministrare ai bambini gli stessi farmaci che assumono i “grandi”: non si tratta di adulti in miniatura e non vanno trattati come tali.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog