La dissenteria: le cause, i rimedi e cosa mangiare

La dissenteria: le cause, i rimedi e cosa mangiare

La dissenteria è un'infezione gastroenterica che provoca continue scariche diarroiche. Scopriamo le cause, le cure e la dieta corretta

La dissenteria è una patologia infettiva gastrointestinale che si caratterizza per le frequenti scariche diarroiche, tanto che nel gergo comune dissenteria e diarrea sono diventati sinonimi. in realtà la seconda è solo un sintomo della prima, perché la causa del malessere intestinale è la contaminazione da parte di germi come batteri e parassiti.

Nel primo caso parliamo di dissenteria batterica, la forma più comune e presente nei climi moderati, provocata da bacilli della famiglia Shigella che in genere entrano nell’organismo per contatto diretto o ingestione (ad esempio attraverso l’acqua), considerando che trasportare i germi è molto facile anche per le persone sane.

Naturalmente la dissenteria è un’infezione epidemica che si riscontra in particolar modo laddove l’igiene sia precaria e le condizioni di salute generali non ottimali (le persone denutrite, ad esempio, si ammalano più facilmente perché il loro sistema immunitario è più lasso), ma le epidemie possono scoppiare tranquillamente anche nelle scuole frequentate dai bambini sotto i 10 anni, che sono più vulnerabili degli adulti agli attacchi patogeni.

Esiste anche un’altra forma di dissenteria, detta amebica, che viene provocata dalla proliferazione di parassiti intestinali detti amebe, che però è presente soprattutto nelle zone geografiche a clima tropicale. Vediamo i sintomi principali della dissenteria batterica (la più comune in Europa occidentale) che insorgono dopo un’incubazione di una settimana al massimo:

  • Scariche di diarrea, ovvero feci acquose miste a muco e sangue (fino a 25 attacchi al giorno)
  • Febbre
  • Crampi, coliche addominali molto forti che si accompagnano alle scariche diarroiche
  • Disidratazione importante causata dall’ingente perdita di liquidi e di elettroliti
  • Debolezza

La terapia per curare la dissenteria batterica consiste nella somministrazione di fluidi, in una alimentazione corretta, che a breve vedremo, e nell’assunzione di antibiotici per spegnere l’infezione. I sintomi della dissenteria amebica sono meno violenti ma può verificarsi una complicanza specifica che è la formazione di un ascesso nel fegato.

Tale ascesso (formazione di una sacca di pus infetto all’interno dei tessuti), va drenato per non creare danni. Veniamo alla dieta giusta per alleviare la dissenteria. Va subito detto che nella fase acuta dell’infezione, quella dei primi giorni, è meglio limitarsi ad una dieta liquida in cui, però, si vadano a reintegrare le sostanze perse.

Quindi l’acqua ve bene ma meglio se arricchita con zucchero (o glucosio liquido) e sale da cucina, e poi via libera ai più ricchi di tannini con potere astringente, come il tè nero cinese, e alle tisane con effetto antispastico e antibatterico, come quelle alla menta, alla malva, alla cannella.

Dopo i primi giorni iniziate a consumare cibi semisolidi con effetto astringente ma non irritante per l’intestino, come ad esempio mele grattugiate e banane schiacciate (non mature), purea di patate, semolino.

Successivamente potrete introdurre nei vostri pasti i passati di verdure, le fette biscottate o il pane tostato, la carne di pollo o i filetti di merluzzo lessati o il prosciutto crudo senza grasso, e poi, via via, la pasta, il riso in bianco con parmigiano e via discorrendo, fino a reintegrare tutti i cibi una volta che l’infezione intestinale stia passando.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog