La sindrome della morte improvvisa del lattante: le cause e come evitarla

La sindrome della morte improvvisa del lattante: le cause e come evitarla

La sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS), anche detta morte in culla, è un evento drammatico che può avare diverse cause ma che si può, nella maggior parte dei casi, prevenire. Vediamo come

Un bambino ogni mille nati è vittima della SIDS, sindrome della morte improvvisa del lattante o “morte in culla”. Questo evento si verifica quando un neonato apparentemente in perfette condizioni di salute muore, per cause apparentemente sconosciute, durante la notte o comunque mentre si trova adagiato nella culla o nel lettino.

Quali possono essere le vere ragioni che portano a tali decessi “inspiegabili”, più frequenti tra i 2 e i 3 mesi di vita del bebè? Ebbene, tante sono state le ipotesi formulate dai pediatri, vediamole insieme.

Secondo alcuni, la SIDS sarebbe più probabile nei neonati prematuri o comunque molto piccoli, che presentino un’immaturità di fondo nel meccanismi neurovegetativi. In questo caso a provocare il decesso improvviso darebbe una sorta di deficit di “funzionamento” di tutto l’organismo del piccolo, che ad un certo punto va in tilt e il cuore si ferma. Secondo altre teorie, invece, all’origine di molti casi di SIDS c’è un difetto dell’apparato respiratorio o dei meccanismi cerebrali che regolano tale funzione.

Dal momento che la stragrande maggioranza dei casi di morte in culla si verifica tra la mezzanotte e le 9 del mattino, la causa risiederebbe nel fatto che quando si sta sdraiati le vie respiratori tendono a restringersi, pertanto, se per un difetto anatomico o funzionale esse si restringono eccessivamente impediscono l’afflusso di aria ai polmoni e, quindi, porterebbero al decesso.

Ancora, altra possibile causa potrebbe esse un deficit metabolico, o un problema cardiaco occulto. Secondo un recente studio americano, invece, la vera causa della SIDS risiede nell’alterata produzione di alcuni neurotrasmettitori deputati a regolare la respirazione del lattante.

In ogni caso, la cosa importante da sapere è che la SIDS si può e si deve prevenire. Ecco i consigli dei pediatri e dell’OMS a tal proposito, un vademecum di 10 regole d’oro per prevenire la sindrome della morte improvvisa del lattante, alcune delle quali riservate alle donne in gravidanza:

  1. Non far dormire a pancia sotto o di fianco il bambino: in questa maniera si dimezza il rischio
  2. Non fumare in gravidanza e dopo il parto: in questa maniera si riduce il rischio di 3 volte (il fumo passivo fa sempre e comunque male)
  3. Mantenere la temperatura della camera in cui dorme il bambino non superiore ai 20° C
  4. Il bebè non deve dormire nella stanza dei genitori e mai nel letto con loro (per evitare il possibile schiacciamento)
  5. Non far dormire il bebè in stanze troppo piccole, stipate di mobili e di persone
  6. Non coprirle o vestire troppo il piccolo
  7. Evitare sempre il surriscaldamento dell’ambiente
  8. Dare il ciuccio al bambino
  9. Stop agli alcolici per la mamma in gravidanza e allattamento
  10. Naturalmente stop anche alle droghe di qualunque tipo, si riduce il rischio di SIDS di ben 20 volte
    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto | via Pinterest

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog