Diverticolite, l’alimentazione corretta e i 10 cibi da evitare

Diverticolite, l’alimentazione corretta e i 10 cibi da evitare

La diverticolite è l'infiammazione dei diverticoli, piccole estroflessioni della mucosa intestinale congenite. Vediamo come alleviare il disturbo con l'alimentazione

Chi soffra di diverticolite ricorrente, deve curare particolarmente l’alimentazione per ridurre, alleviare o prevenire questa infiammazione.

Cos’è la diverticolite

La presenza di diverticoli, ovvero piccole estroflessioni delle mucosa intestinale che vanno a formare delle sacchette lungo le pareti di questo lungo organo della digestione, condizione definita come diverticolosi, è in genere genetica (ovvero favorita da una certa predisposizione familiare), e può anche non dare mai problemi per tutta la vita, perché di per sé non è necessariamente patologica.

Tuttavia, proprio come accade per l’appendice, i diverticoli possono diventare un ricettacolo di residui indigeriti di cibo, oppure di frammenti di feci, che finiscono per infiammarli e provocare la diverticolite acuta, che produce sintomi come forti dolori addominali, stitichezza, gonfiore, sanguinamento rettale se i diverticoli infiammati si perforano. Tra i sintomi della diverticolite il mal di schiena non va sottovalutato, ma la presenza di diverticoli può causare anche diarrea.

Diverticolite: le cause

Perché vengono i diverticoli? Tra le possibili cause della diverticolite una delle più frequenti è probabilmente una cattiva alimentazione: una dieta povera di fibre provocherebbe un aumento della pressione nel colon e faciliterebbe la formazione dei diverticoli. Una volta formatisi i diverticoli, questi si infiammerebbero a causa del ristagno di feci e batteri, causato a sua volta da una persistente stitichezza. Nella diverticolite l’alimentazione è centrale: vediamo come modificarla.

L’alimentazione per la diverticolite

In questi casi, la dieta deve essere ridotta al minimo se non interrotta (come avviene durante un attacco di appendicite acuta), e si prescriverà solo un’alimentazione liquida fino a remissione dei sintomi della diverticolite.

In linea generale, però, chi abbai i diverticoli e soffra spesso di problemi intestinali legati a questo problema, dovrebbe seguire un regime alimentare ricco di acqua (che ammorbidisce le feci) e di fibre, in particolare di fibre insolubili (come quelle presenti nei cereali, nella frutta secca e negli integratori come glucomannano e psillio) che rendono le feci più voluminose e facilmente eliminabili, sì da non lasciare pericolosi residui nell’intestino.

10 g di fibre al giorno sono sufficienti, ma, come abbiamo già spiegato, durante la fase acuta dell’infiammazione i cibi fibrosi potrebbero acuire il problema, quindi vanno eliminati momentaneamente dalla dieta. Lo yogurt, invece, sembra essere assai benefico, quindi dovrebbe essere consumato regolarmente, a differenza di altri latticini come i formaggi stagionati e piccanti.

Ci sono, poi, degli alimenti che sembra siano associati ad un maggiore rischio di diverticolite in chi sia predisposto, e quindi buona abitudine sarebbe quella di ridurne il consumo. Si tratta di frutta con semini e noccioli che possono finire nei diverticoli, rischiando di infiammarli, e alimenti di origine animale che favoriscono, in generale, le infiammazioni intestinali. Ecco i 10 cibi da evitare o consumare con moderazione se si soffre di diverticolite ricorrente:

  1. Kiwi, anguria, fragole, pomodori (per via dei semini in essi contenuti)
  2. Latte
  3. Carni rosse, salumi e insaccati
  4. Spezie piccanti
  5. Caffè
  6. Cioccolata
  7. Alimenti addizionati di aria (come panna montata, maionese, creme e salse “montate”)
  8. Verdure meteorizzanti come i cavoli
  9. Bevande alcoliche e gassate
  10. Frutta cona la buccia

Diverticolite: la cura

L’alimentazione e soprattutto la reintroduzione di fibre e liquidi nella dieta è la miglior terapia contro la diverticolite, che altrimenti va trattata con la somministrazione di antibiotici o il ricovero ospedaliero per una rimozione chirurgica, soprattutto in caso di diverticolite acuta perforata. In alternativa la cura della diverticolite si basa sui farmaci omeopatici o sull’agopuntura.

      Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su

App Store

      e su

Google Play

    ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog