Malati terminali di cancro accompagnati dai loro animali in 3 hospice della Toscana

Malati terminali di cancro accompagnati dai loro animali in 3 hospice della Toscana

Una bella sorpresa è in arrivo per i malati terminali che risiedono in tre hospice dell'Azienda sanitaria di Firenze (Asf).

Cani e gatti nelle corsie di tre hospice dell’Azienda sanitaria di Firenze (Asf), per portare un pizzico di serenità ai malati in fase terminale. E’ questa la nuova strategia adottata nelle strutture di San Felice a Ema, San Giovanni di Dio e delle Oblate, che contano complessivamente 31 posti letto, e che nel 2013 hanno ospitato 600 pazienti. Proprio in questi hospice, cani e gatti potranno “entrare e stare con i loro padroni per rendere meno duro il distacco”.

Stare insieme ai propri amici a quattro zampe fa bene sia alla psiche che alla salute in generale, e poter vivere dei momenti difficili come quelli della fase terminale di una malattia insieme ai propri amici a quattro zampe deve rappresentare senza dubbio un momento positivo per i pazienti.

Proprio per facilitare questa strategia sarebbe stato stabilito un “protocollo finalizzato alla gestione dell’accesso e alla permanenza all’interno della struttura di cani e gatti appartenenti al nucleo familiare dell’ospite”.

Tale protocollo prevede che gli animali domestici possano rimanere all’interno della struttura. I familiari del paziente dovranno garantire che il quattrozampe sia in buona salute e che abbia un buon carattere, si impegneranno a portare fuori l’animale quando sarà necessario, e saranno responsabili del suo comportamento all’interno della struttura. Il protocollo in questione sarebbe stato realizzato in collaborazione con i membri della Fondazione Italiana di Leniterapia, Cristina Rossi della direzione infermieristica e Carlo Ciceroni del Servizio di sanita’ pubblica veterinaria.

Si tratta senza dubbio di un’idea molto bella, non trovate?

via | Anmvioggi.it

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog