La dieta vegetariana allunga la vita

Ridurre il consumo di carne fa vivere più allungo, ma escludere totalmente i prodotti di origine animale non è altrettanto efficace. A dimostrarlo è il caso dei vegani

longevità

Che il consumo eccessivo di carne rossa, soprattutto se lavorata o grassa, non sia non scelta salutare è ormai quasi una certezza, ma che una dieta vegetariana possa addirittura allungare la vita è una novità portata alla ribalta delle cronache da uno studio pubblicato su Jama Internal Medicine da un gruppo di ricercatori guidato da Michael Orlich della Loma Linda University (Stati Uniti). La ricerca ha infatti rilevato un'associazione tra le diete che escludono il consumo di carne e tassi di mortalità inferiori rispetto a quelli registrati fra i non vegetariani. A trarre i maggiori benefici da questo effetto sono soprattutto gli uomini, che vedono ridursi anche il rischio di malattie cardiovascolari fatali e di ischemie cardiache.

Per giungere a queste conclusioni Orlich e colleghi hanno analizzato le risposte degli individui coinvolti nello studio (più di 70 mila tra uomini e donne) a un questionario sulle abitudini alimentari. In questo modo sono stati individuati i non vegetariani, i semi-vegetariani, i pesco-vegetariani (che mangiano anche pesce e frutti di mare), i latto-ovo-vegetariani (che non escludono latticini e uova) e i vegani (che eliminano tutti i prodotti di origine animale).

In seguito, l'analisi dei dati di mortalità ha svelato che i vegetariani corrono un rischio di morire per una qualsiasi causa inferiore del 12% rispetto ai non vegetariani. Anche pesco-vegetraiani, vegani e latto-ovo-vegetariani possono ottenere un beneficio simile dalle loro scelte alimentari, ma con risultati meno significativi.

I risultati di questa nuova ricerca si aggiungono a quelli ottenuti in studi precedenti, che hanno associato la dieta vegetariana a una riduzione del rischio di sviluppare malattie croniche, come l'ipertensione, la sindrome metabolica e il diabete.

C'è, però, un aspetto da prendere in considerazione: i vegetariani si sono dimostrati meno inclini a fumare e a bere alcolici e più propensi all'attività fisica. Insomma, chi preferisce i prodotti dell'orto alla carne ha anche un stile di vita più sano dal punto di vista generale. E tutto ciò non può che contribuire a mantenersi più sani più a lungo.

Via | Jama Internal Medicine
Foto | da Flickr di Laura (Move to Portugal)

  • shares
  • Mail