Cos'è l'angioedema da farmaci e come si cura

Angioedema da farmaci, ecco cosa è e come fare a trattare questo problema.

Angioedema

Angioedema da farmaci, cosa è e come fare a curarlo? L’angioedema, noto anche come edema angioneurotico, è una reazione che può essere scatenata da diversi fattori. Fra i sintomi che caratterizzano questo disturbo si registrano una sensazione di prurito accompagnata da orticaria, un evidente arrossamento della parte interessata, che appare anche più calda rispetto al resto del corpo, del gonfiore e una più spiccata sensibilità al tatto.

Come dicevo, in realtà l’angioedema può essere provocato da diversi fattori. Può presentarsi ad esempio a seguito di forti allergie, dopo l’ingestione di alcuni alimenti oppure anche come effetto collaterale all'assunzione di alcuni farmaci.

Questo problema riguarda generalmente gli strati più profondi della pelle, e può interessare la zona della bocca e degli occhi,  della laringe e della lingua.

Se è vero che molto spesso l’angioedema tende a ridursi ed a sparire nell’arco di qualche giorno senza dare grosse preoccupazioni, è altrettanto vero che non si può mai essere certi che un angioedema non possa degenerare, rischiando di provocare seri danni alla respirazione, dolore addominale o toracico, difficoltà di deglutizione e vertigini, con conseguenze comprensibilmente molto gravi per la vita del paziente. Per questa ragione, sarà importante consultare il medico alla manifestazione dei primissimi sintomi, anche se questi possono apparire poco "importanti".

Il trattamento dell’angioedema consiste nella somministrazione di antistaminici, di corticosteroidi (la cui funzione è quella di ridurre l’infiammazione), nella somministrazione di adrenalina (che avviene nel caso di reazioni molto gravi) e nell’applicazione di panni freschi sulla parte interessata.

Foto | da Pinterest di Racquel Green
via | InErboristeria

  • shares
  • Mail