Consigli per un'abbronzatura sana e duratura

bright sunI consigli non bastano mai, non tanto perché siano poco noti ma perché non fa mai male ricordare le buone norme per l’esposizione solare che garantisca sì l’abbronzatura ma anche la salute. Troppo spesso, tuttora, tendiamo a trascurare la salute della pelle in favore della tintarella. Ecco come prepararci al sole e cosa fare per mantenere la pelle sana e un’abbronzatura duratura.

Cominciate un paio di mesi prima delle vacanze ad assumere complessi vitaminici che favoriscono l’abbronzatura. Non dovete ricorrere necessariamente agli integratori se l’alimentazione è varia e ricca di frutta e verdura di colore arancio o rosso o a foglia verde, con betacarotene, vitamina A, vitamina E e zinco, tutti elementi preziosi per la pelle.

Cominciare con l’esporvi gradualmente, costringendovi ad alzarvi e a tornare a casa dopo i primi venti minuti nei primi giorni. Anche se desiderate un’abbronzatura rapida, questo è il miglior modo per scottarsi. Ricordatevi anche che i danni più gravi non sono quelli visibili a breve termine: se non vi siete bruciati non significa che la pelle non abbia sofferto un’esposizione scriteriata.

Usate sempre la protezione solare più appropriata al vostro tipo di pelle giocando al rialzo: se lo schema che riferisce le protezioni adatte ai vari fototipi vi suggerisce di rimanere entro un range generale con due valori limite, attenetevi sempre a quello più elevato.

Preparate la pelle all’esposizione con un accurato peeling in modo da eliminare le cellule morte e favorire l’abbronzatura uniforme. Idratatevi bene, sia bevendo molto che utilizzando creme o gel idratanti dopo l’esposizione al sole, in dosi generose.

Se preferite andare in spiaggia con un leggero colorito già conquistato con una crema autoabbronzante, per non sfigurare nel vostro nuovo costume che non si addice alla pelle pallida, ricordate che mai e in nessun caso la pelle colorata artificialmente può considerarsi abbronzata. La protezione va comunque selezionata tra valori molto alti.

Non dimenticate di utilizzare la protezione anche quando non siete al mare. In montagna, ma pure in città, quando fate sport all’aperto o semplicemente passeggiate o vi spostate per lavoro la pelle subisce l’azione del sole. Succede tutto l’anno, naturalmente, per cui sarebbe bene munirsi di adeguata protezione per tutti i mesi, ma in estate dovete stare più attenti: il sole picchia e agisce anche se non lo stiamo prendendo con consapevolezza.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail