Alimentazione e cambio di stagione: la dieta perfetta per la primavera

spring dietIl cambio di stagione ha effetti svariati su di noi, sul nostro benessere e sul nostro stile di vita, su come ci sentiamo e su come mangiamo. La dieta è una delle prime cose che cambia con il mutare della stagione, sia per adattarla alle nuove esigenze di leggerezza, sia perché cerchiamo di tornare in forma dopo l’inverno e in vista dell’estate.

Spesso in primavera ci sentiamo affaticati e raffreddori stagionali, mal di testa, cattivo riposo e allergie sono tra i disturbi più comuni. Vi si può rimediare anche a tavola, rendendo la dieta – intesa come modello alimentare – un utile strumento di benessere generale. Come mangiare in primavera?

A colazione dobbiamo preferire alimenti ricchi di carboidrati come cereali, frutta, succhi di frutta. Gli agrumi ci danno il pieno di vitamina C e minerali, mentre dovremmo limitare caffè e tè che sono ricchi di eccitanti.

A pranzo dobbiamo concedere ampio spazio a verdure cotte o crude che aiutano a depurare l’organismo anche grazie alle fibre di cui sono ricche. A proteine vegetali derivanti dai legumi dobbiamo aggiungere proteine animali provenienti da carne e pesce, scegliendo di preferenza quest’ultimo oppure le carni bianche. Non deve mancare la frutta, meglio se consumata prima del pasto oppure come spuntino tra un pasto e l’altro, per non affaticare la digestione con la fermentazione. Al caffè possiamo sostituire un infuso depurativo.

La cena dovrebbe essere leggera e darci la carica di vitamine e minerali al pari del pranzo. Possiamo accompagnare le fonti proteiche a contorni di verdure e concludere con della frutta. Lungo tutto il giorno gli spuntini devono restare leggeri ma possono essere frequenti, per evitare di arrivare a tavola con la sensazione di fame. Altrettanto importante è l’idratazione: bere molta acqua aiuta il senso di sazietà e la depurazione.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail