Borse e occhiaie: vanno via con il lifting della pausa pranzo

occhi Sguardo stanco a causa di borse e occhiaie, ma troppa paura di affrontare il bisturi? La soluzione sono i "fillers" di ultima generazione che, se iniettati da mani esperte, possono cancellare le rughe di tutto il viso, donando un effetto lifting in mezz'ora, senza bisturi e anestesia. Si tratta di un metodo che consente di ritardare l'appuntamento con il bisturi per diversi anni e che garantisce risultati naturali, a patto di rivolgersi a professionisti. I prodotti usati non danno allergie e durano a lungo, fino a un anno, ma nel caso in cui il risultato non sia soddisfacente è possibile ripensarci e tornare indietro. Il costo va dai 500 ai 1.000 euro.

Quando le occhiaie e le borse non sono troppo accentuate, fillers e tossina botulinica associate possono essere una soluzione alternativa al bisturi e migliorare significativamente il problema. Iniettare un filler nella delicata zona del contorno occhi è un'operazione che deve essere praticata da esperti per evitare spiacevoli effetti collaterali. Le palpebre inferiori sono una parte delicata in quanto la pelle è sottile e l'osso è molto vicino, quindi c'è il rischio che le sostanze vengano iniettate troppo superficialmente con uno spiacevole effetto estetico.

Come funziona? I filler si iniettano su tutto il viso, con delle differenze in base alla zona da trattare. Una zona particolarmente efficace è il cosiddetto "solco delle lacrime", l'incavatura sotto gli occhi che contribuisce a dare un'aria di stanchezza e accentua la formazione delle occhiaie.

Intorno agli occhi l'iniezione dei filler dà il suo massimo effetto se associato all'iniezione della tossina botulinica che conferisce un aspetto rilassato e giovane allo sguardo per una durata di 4-5 mesi. Altre aeree che possono essere migliorate dall'iniezione di filler sono i solchi naso-giugali, ossia quelle rughe che si formano tra naso e guance che si accentuano con l'invecchiamento, e che possono essere ammorbiditi dall'iniezione di acido ialuronico.

La durata dei filler è variabile, ma compresa tra i 9 e i 12 mesi. Non c'è rischio di allergie in quanto non sono di origine animale, ma un prodotto farmacologico di origine enzimatica; inoltre sono sicuri, in quanto l'acido ialuronico è una componente naturale di tutti i tessuti umani e, a differenza di prodotti precedentemente usati come il silicone, non ha rischio di causare granulomi. E se il risultato non è soddisfacente, c'è la possibilità di rimediare, iniettando un antidoto all'acido ialuronico, un enzima in grado di scioglierlo che si chiama ialuronidasi.

Il trattamento con il filler si esegue in ambulatorio, richiede 20-30 minuti, si può tornare subito in ufficio in quanto non lascia segni visibili, non è richiesta anestesia, perché nella maggior parte dei prodotti utilizzati contengono un anestetico locale mescolato insieme al filler, e quindi è praticamente indolore.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: