L’ambliopia negli adulti ha delle cure? Le soluzioni migliori

L’ambliopia negli adulti ha delle cure? Le soluzioni migliori

Ecco alcune indicazioni utili in merito al problema dell’ ambliopia nei soggetti adulti

L’ambliopia negli adulti si può curare? Questa è una delle domande che più spesso si pongono coloro che, pur essendo in età adulta, soffrono di quello che è comunemente noto con il nome di “occhio pigro”, ovvero l’ambliopia, problema che normalmente si manifesta durante i primi anni di vita, ma che può riguardare anche persone in età più adulta. In linea generale l’ambliopia è definita come un’anomalia dello sviluppo della vista che porta ad una riduzione delle capacità visive.

Tale patologia si presenta quando l’occhio e il cervello non lavorano insieme in modo corretto, e il cervello ignora i segnali da parte di un occhio, “preferendo” quelli inviati dall’altro.

Per quanto riguarda i soggetti adulti, l’ambliopia colpisce il normale sviluppo visivo o l’uso degli occhi, e può presentarsi a causa di altri problemi come ad esempio lo strabismo, oppure può presentarsi quando un occhio è più miope o astigmatico rispetto all’altro occhio, o infine quando esistono altre patologie degli occhi come ad esempio la cataratta. Ma l’ambliopia negli adulti può essere corretta?

In linea generale, esistono dei trattamenti mirati a curare l’ambliopia negli adulti, ma questo genere di trattamenti richiedono senza dubbio uno sforzo maggiore. La ricerca comunque continua ad andare avanti per trovare dei rimedi efficaci per la cuira di questo problema. Fra le terapie più comuni vi sarebbe quella di prescrivere dei particolari occhiali al paziente o delle lenti a contatto specifiche. Quando ci si trova davanti ad un caso di ambliopia da strabismo, si tende invece ad optare per un intervento chirurgico grazie al quale si potranno rendere gli occhi più allineati tra loro.

Come sempre, sarà naturalmente il vostro medico oculista a consigliarvi le cure più idonee in base alla gravità della situazione.

via | InErboristeria
Foto da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog