A cosa serve il domperidone, la posologia e le controindicazioni

Il domperidone è il principio attivo di molti farmaci antiemetici, utilizzati prevalentemente per curare tutte quelle sintomatologie dovute a reflusso gastrico, dispepsia, pienezza epigastrica e disturbi del tratto addominale superiore, come la difficoltà a digerire dovuta, ad esempio, a virus gastrointestinali. Il domperidone è venduto sotto forma di farmaco e ne esiste anche un generico: si può acquistare senza ricetta in farmacia per la cura dei disturbi gastrici, facendo naturalmente attenzione alla posologia e alle controindicazioni.Solitamente il domperidone viene utilizzato nel trattamento di episodi di nausea e vomito anche nei bambini, in dosi più blande rispetto agli adulti: va assunto sempre e rigorosamente circa una mezz'ora prima dei pasti, in modo da lasciare il tempo sufficiente all'assorbimento del farmaco che è comunque molto veloce.

La posologia consigliata negli adulti va da 1 a 2 compresse da 10 mg per tre o quattro volte al giorno, con una dose massima giornaliera consentita che si aggira intorno agli 80 mg; per i bambini e i neonati la dose consigliata è di 0,25–0,5 mg per chilogrammo del bambino, da tre a quattro volte al giorno, con una dose massima giornaliera di 2,4 mg per chilogrammo. Bisogna controllare quindi il peso del proprio bambino prima di somministrargli il domperidone e sarebbe meglio non darlo con leggerezza nei soggetti inferiori a 15 kg, perché le pastiglie in commercio contengono una quantità di domperidone che potrebbe causare sovradosaggio.

Tra le controindicazioni più diffuse, oltre alla sensibilità verso alcuni eccipienti come l'aspartame, bisogna avere l'accortezza di evitare la somministrazione di domperidone nei pazienti che presentassero particolari tipologie di aritmie cardiache, insufficienze renali, patologie del tratto gastrointestinale (perché il domperidone ne stimola la motilità). Se ne sconsiglia inoltre l'uso alle donne in allattamento, perché il domperidone passa nel latte materno, e in caso si assumessero farmaci gastroresistenti, anticolinergici, antiacidi e analgesici stupefacenti.

Via | Wikipedia, Torrino Medica

Foto | Bristol Labs

  • shares
  • Mail