Tor Vergata, donna con calcoli alla cistifellea muore dopo 14 ore al pronto soccorso

Al pronto soccorso del policlinico di Tor Vergata una donna muore per dei calcoli alla cistifellea, dopo 14 ore di attesa e di agonia.

policlinico Tor Vergata

Al pronto soccorso dell'ospedale romano di Tor Vergata una donna è morta dopo 14 ore di sofferenza, per dei calcoli alla cistifellea. La donna era arrivata al policilinico con dei fortissimi dolori addominali, intorno alle 13 di mercoledì scorso. Al pronto soccorso le era stato dato il codice giallo.

Le sue condizioni sono subito peggiorate e dopo 6 ore dal suo arrivo all'ospedale romano, intorno alle 19, i medici le hanno diagnosticato dei calcoli alla cistifellea. Uno aveva già perforato l'organo, per questo i medici hanno deciso di tenere la donna sotto osservazione per tutta la notte. Dopo 8 ore in barella, in preda a dolori sempre più forti, che nemmeno l'antidolorifico sommnistrato in ospedale riusciva a placare, è stata trasportata nell'astanteria. Qui è morta.

Il marito, che era con lei, racconta che la donna soffriva di dolori fortissimi: urlava dal male che provava. I famigliari hanno più volte chiesto al personale di occuparsi di lei, ma pare che nessuno abbia dato loro ascolto. Alle 3 del mattino la donna ha cominciato a stare ancora peggio: il viso è diventato prima pallido e poi scuro. I medici hanno tentato di rianimarla, ma per lei ormai non c'era più niente da fare.

L'associazione Codici ha già annunciato di voler denunciare quello che, secondo le prime testimonianze, sembra proprio un nuovo, triste caso di malasanità, come sottolineato da Ivano Giacomelli, segretario nazionale dell'organizzione:

Codici annuncia che invierà un Esposto alla Procura della Repubblica per verificare le eventuali responsabilità della morte della signora. Se questa tragedia poteva essere evitata è giusto che i responsabili vengano puniti. Nel nostro Paese, purtroppo, non sono pochi i casi di errata diagnosi, errori medici, negligenza. È necessario fare tutto il possibile per far emergere la verità sui fatti accaduti.

Via | Corriere

Foto | Ptvoline

  • shares
  • Mail